I capi dell’Intelligence di Russia, Cina, Iran e Pakistan riuniti per contrastare lo Stato islamico

Views

Secondo quanto rivelato da Sergei Ivanov, portavoce dei media per il Foreign Intelligence Service russo (SVR), i direttori dell’intelligence di Russia, Cina, Iran e Pakistan si sono incontrati martedì per discutere della cooperazione regionale con particolare riferimento alla lotta contro lo Stato islamico in Afghanistan.

Ivanov ha dichiarato all’agenzia di stampa TASS, di proprietà dello stato russo, che l’incontro si è svolto in Pakistan e ha incluso la partecipazione del regista SVR Sergei Naryshkin. TASS ha riferito che la riunione si è tenuta sotto l’egida del potente del Pakistan Inter-Services Intelligence (ISI) Direzione con la partecipazione di “alto funzionario dell’intelligence” dal Pakistan, la Russia, l’Iran e la Cina.

Ivanov ha detto che le discussioni durante l’incontro “si sono concentrate sui pericoli derivanti dall’accumulo dello Stato islamico sul territorio afghano”. Lo Stato islamico ha annunciato la formazione della sua provincia afghana (wilayah in arabo) nel gennaio 2015, usando il termine “provincia di Khorasan”. Dal luglio 2016, due dei suoi leader più importanti sono stati uccisi in attacchi di droni coordinati dagli Stati Uniti, ma il gruppo continua a lanciare operazioni fino ad oggi. Si ritiene che il suo nucleo sia composto da circa 100 combattenti delle ex roccaforti dello stato islamico in Siria e Iraq. Secondo i rapporti russi e le opinioni dei funzionari addetti alla Sicurezza di Cina, Russia, Pakistan e Iran il comando afgano dello Stato Islamico sta diventando più forte e combattenti del gruppo stanno lasciando il Medio Oriente per trasferirsi in Afghanistan destando così forte preoccupazione.

L’incontro ad alto livello segue l’annuncio del mese scorso da parte della Shanghai Cooperation Organization (SCO), guidata da Pechino, che avrebbe adottato un approccio più attivo alle questioni di sicurezza in Afghanistan. All’inizio di giugno, il presidente afghano Mohammad Ashraf Ghani ha descritto la SCO come “una piattaforma importante per la cooperazione antiterrorismo e il rafforzamento della connettività regionale” nell’Asia centrale e meridionale. Il presidente Ghani ha fatto questi commenti poco prima di recarsi in Cina per partecipare al vertice annuale della SCO, di cui l’Afghanistan è un paese di osservazione.

I capi dell’Intelligence di Russia, Cina, Iran e Pakistan riuniti per contrastare lo Stato islamico

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>