Il Canada cerca di togliere i passaporti ai figli della coppia di spie russe

Views

Secondo il governo canadese, i due fratelli, i cui genitori russi hanno acquisito fraudolentemente la cittadinanza canadese prima di essere arrestati per spionaggio, non hanno diritto alla cittadinanza canadese.

Tim e Alex Vavilov sono i figli di Donald Heathfield e Tracey Foley, una coppia sposata arrestata nel 2010 sotto l’operazione GHOST STORIES, un programma di controspionaggio gestito dal Federal Bureau of Investigation (FBI) degli Stati Uniti. Dopo l’arresto della coppia, i loro figli, che presumibilmente sono cresciuti pensando che i loro genitori fossero canadesi, hanno saputo che i loro genitori erano in realtà cittadini russi e che i loro veri nomi erano Andrei Bezrukov ed Elena Vavilova. I loro nomi dal suono inglese e passaporti canadesi erano stati forgiati alla fine degli anni ’80 dal KGB, l’agenzia di intelligence esterna dell’Unione Sovietica.

I due fratelli, che non erano mai stati in Russia prima dell’arresto dei loro genitori nel 2010, sono ora coinvolti in una lunga battaglia legale per mantenere la loro cittadinanza canadese, dopo che il governo del Canada ha rifiutato di riconoscere i loro passaporti annullati quando divenne chiaro che i passaporti canadesi dei genitori dei fratelli erano fraudolenti perché contenenti dati falsi.

Secondo il Canadian Citizenship Act, i bambini nati in Canada da “dipendenti di un governo straniero” non hanno diritto alla nazionalità canadese. Ma i fratelli sostengono che avevano 20 e 16 anni quando i loro genitori furono arrestati e non erano a conoscenza della loro doppia identità. Ne consegue, dicono, che non possono essere puniti per i crimini dei loro genitori, e insistono sul fatto che il Canada è l’unica casa che conoscono.

L’anno scorso, la Corte d’appello federale del Canada ha annullato la decisione di un tribunale di grado inferiore e ha ordinato al governo di reintegrare la cittadinanza canadese di Alex Vavilov. Secondo la Corte d’appello, il Vavilov non poteva essere considerato come nato per dipendenti di un governo straniero, dal momento che i suoi genitori non erano diplomatici accreditati, né godevano di privilegi diplomatici mentre vivevano in Canada. Da quel momento, i due fratelli hanno rinnovato i loro passaporti canadesi e dicono di sperare di potersi insediare e lavorare in Canada. Ma il governo canadese è stato dato fino al 20 settembre di quest’anno per decidere se fare ricorso contro la decisione della Corte d’appello federale e portare il caso alla Corte Suprema.

Ora il governo canadese ha presentato una nuova istanza del tribunale, contestando in modo efficace la decisione della Corte d’Appello federale. È la sua sottomissione, il governo afferma che i fratelli Vavilov dovrebbero essere privati della cittadinanza canadese perché i loro genitori erano, in effetti, impiegati segreti di un governo straniero. Le due spie russe potrebbero non essere state accreditate dallo stato canadese come dipendenti stranieri, si dice, ma in realtà erano “impegnate a servire il loro paese d’origine”.

La Corte Suprema del Canada ha dichiarato che intende chiudere il caso entro la fine dell’anno.

Il Canada cerca di togliere i passaporti ai figli della coppia di spie russe

INTELLIGENCE | 2 commenti

2 commenti

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>