“The new Yorker”, Israele ha lavorato segretamente per decenni con gli Emirati arabi, contro l’Iran

Views

Un reportage, pubblicato sul sito web di The New Yorker lunedì (l’edizione stampata della rivista uscirà il 18 giugno), ha affermato che Israele e gli Emirati Arabi Uniti, due paesi che ufficialmente non hanno relazioni, collaborano segretamente da oltre due decenni. La loro cooperazione segreta è stata estremamente serrata e ha incluso le vendite di armi clandestine e la condivisione dell’intelligence.

L’articolo, che tratta della mutevole geopolitica del Medio Oriente, è stato scritto da Adam Entous, corrispondente per la sicurezza nazionale del Washington Post, che ha già riferito per oltre due decenni per Reuters e The Wall Street Journal.

Ufficialmente, Israele e gli Emirati Arabi Uniti non hanno mai avuto relazioni bilaterali. Gli Emirati, uno stato federale arabo governato da un sistema monarchico assoluto, non riconosce Israele come un paese.Di conseguenza, i due stati mediorientali non hanno relazioni ufficiali diplomatiche, economiche o militari.

Entous sostiene che funzionari israeliani e degli Emirati si incontrano segretamente da almeno 24 anni. Egli afferma che il primo incontro clandestino tra le due parti sarebbe avvenuto nel 1994 a Washington, dopo che Abu Dhabi ha cercato di acquistare un certo numero di aerei da caccia F-16 di fabbricazione americana. Gli Stati Uniti hanno avvertito gli Emirati Arabi Uniti che Israele avrebbe posto il veto sull’accordo, temendo che questi aerei da caccia, nelle mani degli arabi, potessero eventualmente essere usati contro di loro. Ma Israele non ha posto il veto. Motivato dall’Accordo di Oslo I, che aveva firmato l’anno precedente, il governo israeliano del primo ministro Yitzhak Rabin ha segretamente raggiunto gli Emirati e ha offerto “a discutere la questione direttamente” con loro.

La prima serie di incontri tra le due parti è avvenuta in un ufficio anonimo di Washington”, afferma Entous. I funzionari israeliani e degli Emirati erano diametralmente in disaccordo sulla questione palestinese, ma erano in completo accordo sul tema dell’Iran. Abu Dhabi ha visto l’Iran come una delle principali minacce alla stabilità del Medio Oriente, e così anche Israele. In seguito agli incontri segreti, Israele ha sollevato le sue obiezioni alla vendita da parte di Washington degli F-16 agli Emirati. Questo, dice Entous, ha contribuito a “costruire un senso di fiducia” tra i due paesi mediorientali. Alla fine degli anni ’90, presumibilmente c’erano incontri segreti tra funzionari israeliani e degli Emirati, che includevano la condivisione di dati militari, di sicurezza e d’intelligence.

Entous says that the secret relationship between Israel and the UAE has deepened in recent years, in response to the signing of the US-led Iran nuclear deal, known formally as the Joint Comprehensive Plan of Action. In his exposé, Entous cites an anonymous Israeli official who says that the two countries’ strong opposition to the nuclear deal with Iran has led to “an increase in Israeli-Gulf Arab contacts” of all kinds. Entous quotes an unnamed former US Department of State official who claims that, during the second term of the administration of US President Barack Obama, American intelligence agencies found evidence of at least one secret meeting between Israelis and Emiratis. It was allegedly held in Cyprus and included the participation of Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu, says the former US official. The meeting was reportedly followed by phone calls and other exchanges between the two sides, all with the aim of sabotaging the Joint Comprehensive Plan of Action.

Entous afferma che la relazione segreta tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti si è rafforzata negli ultimi anni, in risposta alla firma dell’accordo nucleare iraniano guidato dagli Stati Uniti, noto formalmente come Piano d’azione globale congiunto. Nella sua esposizione, Entous cita un (anonimo) funzionario israeliano che afferma che la forte opposizione dei due paesi all’accordo nucleare con l’Iran ha portato a “un aumento dei contatti arabo-israeliani del Golfo” di tutti i tipi.

Entous cita un ex funzionario del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti (anonimo) che sostiene che, durante il secondo mandato dell’amministrazione del presidente americano Barack Obama, le agenzie di intelligence americane hanno trovato prove di almeno un incontro segreto tra israeliani ed emirati. Si presume che sia avvenuto a Cipro e che abbia incluso la partecipazione del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, afferma l’ex funzionario degli Stati Uniti. Secondo quanto riferito, l’incontro è stato seguito da telefonate e altri scambi tra le due parti, il tutto con l’obiettivo di sabotare il piano d’azione globale congiunto.

Entous osserva nel suo rapporto che sia da parte dei funzionari israeliani che da quella degli Emirati si negano le presunte riunioni segrete o eventuali collaborazioni dietro le quinte.

Il governo degli Stati Uniti non ha ancora reagito alla storia di The New Yorker.

 

 

 

“The new Yorker”, Israele ha lavorato segretamente per decenni con gli Emirati arabi, contro l’Iran

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>