La Germania abbandona il procedimento penale contro un alto funzionario dell’intelligence svizzera

Views

La Germania ha abbandonato il procedimento penale contro il secondo in comando dell’intelligence svizzera, accusato da Berlino di aver autorizzato un’operazione di spionaggio contro il servizio di riscossione delle imposte tedesco.

Un anno fa, la Germania ha avviato un’indagine senza precedenti su tre alti funzionari dell’agenzia di intelligence svizzera, il Servizio federale di intelligence (NDB).

L’indagine fu avviata per il sospetto che i funzionari svizzeri avessero ideato un’operazione di spionaggio contro gli investigatori fiscali tedeschi che stavano indagando sulle attività delle banche svizzere. L‘indagine è partita tre mesi dopo che le autorità tedesche hanno arrestato un ufficiale dell’intelligence svizzera, “Daniel M.”, per aver praticato lo spionaggio sul suolo tedesco.

Il governo tedesco ritiene che miliardi di euro siano stati depositati dai suoi cittadini in istituti bancari in paradisi fiscali europei come il Liechtenstein, la Svizzera o Monaco.

Negli ultimi dieci anni, le autorità tedesche hanno fatto ricorso alla corruzione di informatori nelle banche offshore per acquisire documenti interni che rivelano l’identità dei cittadini tedeschi che nascondono i loro soldi in conti bancari esteri.

Si calcola che dal 2006, le autorità tedesche abbiano pagato gli informatori circa un centinaio di milioni di dollari, con i proventi raccolti da tasse e multe. Ma il governo svizzero ha fortemente criticato Berlino per aver incoraggiato i dipendenti del settore bancario svizzero a rubare informazioni aziendali interne che spesso infrangono le severe leggi sulla privacy della Svizzera.

Si ritiene che l’NDB sia stato incaricato dal governo svizzero di monitorare l’impegno degli investigatori di frodi fiscali tedeschi di approcciare I potenziali informatori che lavorano nel settore bancario svizzero.

L’uomo identificato come “Daniel M.” sembra essere una delle numerose spie svizzere che hanno raccolto informazioni sulle attività degli investigatori fiscali tedeschi. Per un po’ è sembrato che i funzionari tedeschi del controspionaggio intendessero rivolgersi a Paul Zinniker vicedirettore della NDB. Sostenevano che Zinniker era il principale ufficiale di supporto dell’operazione a cui stava partecipando “Daniel M.” quando è stato arrestato in Germania nel 2017.

Secondo i tedeschi, è stato Zinniker a concepire l’operazione nel 2011. Ma lunedì un portavoce per il procuratore federale tedesco ha riferito all’agenzia di stampa svizzera che Berlino ha rinviato il caso a Zinniker a giugno.

La rivelazione è arrivata meno di 48 ore dopo che un rapporto dell’edizione domenicale del giornale svizzero Neue Zürcher Zeitung sosteneva che le accuse contro Zinniker sarebbero decadute. Secondo l’ufficio del procuratore federale tedesco, la causa contro il funzionario di spionaggio svizzero è stata abbandonata a causa della mancanza di cooperazione da parte delle autorità svizzere, che ha reso impossibile dimostrare che Zinniker era effettivamente la mente dell’operazione di spionaggio contro Berlino.

La Germania abbandona il procedimento penale contro un alto funzionario dell’intelligence svizzera

INTELLIGENCE | 0 Comments

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>