Lo stato islamico è tutt’altro che morto

Views

In una recente serie di interviste per promuovere il suo nuovo libro, “Anatomy of Terror”, l’ex agente speciale dell’FBI e attuale esperto di controterrorismo, Ali Soufan insiste che lo Stato islamico rimane potente e pericoloso. Parlando la scorsa settimana al quotidiano britannico The Guardian, Soufan ha avvertito che, anche se lo Stato islamico non è stato in grado di aggrapparsi al suo califfato in Medio Oriente, il gruppo ha ampie opportunità di riorganizzarsi. Ai tempi di al-Qaeda, “avevamo solo un vuoto, in Afghanistan”, da cui l’organizzazione di Osama bin Laden gestiva e diffondeva il suo messaggio, ha detto Soufan. “Ora abbiamo così tanti vuoti – Siria, Yemen, Libia, Nigeria settentrionale, Tunisia, Filippine – e si sta espandendo. È molto pericoloso “, ha avvertito.

Soufan, pensatore colto e analista , che oggi presiede il Soufan Group e sovrintende la Soufan Foundation, ha ragione di mettere in guardia contro l’idea che lo Stato islamico stia per uscire. L’ascesa meteorica del gruppo ha segnato un momento spartiacque nella storia moderna del militante islam sunnita. Anche se è militarmente annientata – una prospettiva che è tutt’altro che certa – la sua assenza fisica non cancellerà in alcun modo il suo impatto e la sua influenza tra i suoi milioni di sostenitori e simpatizzanti. In effetti, gli esperti avvertono che il gruppo – come al-Qaeda prima di esso – si dimostra resiliente e in grado di resistere alle intense pressioni militari dei suoi nemici. Attualmente, tutti i segni mostrano che lo Stato islamico sta attivamente riorganizzando sotto il comando del suo leader, Abu Bakr al-Baghdadi. L’assenza prolungata di al-Baghdadi, di origine irachena, ha provocato una folle speculazione su questa presunta morte o grave inabilitazione. Ci sono persino alcuni che affermano che sia stato ucciso da una fazione dello Stato islamico in un colpo di stato interno.

Ma la maggior parte delle agenzie di intelligence concordano sul fatto che al-Baghdadi – e i suoi principali luogotenenti – siano vivi e vegeti. Tre settimane fa, il Washington Post citava anonimamente che un “alto funzionario antiterrorismo degli Stati Uniti” confermava che, secondo ogni indicazione, al-Baghdadi era vivo e stava coordinando le attività del gruppo nelle sue ultime roccaforti nella Siria orientale. Questo è supportato da intercettazioni, interrogatori di detenuti e dichiarazioni di informatori, ha detto The Post. È importante notare che Al-Baghdadi continua ad avere al suo fianco alcuni dei comandanti più incalliti del gruppo militante, molti dei quali sono stati addestrati nell’intelligence e alle tattiche militari durante il regno di Saddam Hussein. Sotto la loro guida, le forze dello Stato islamico in ritirata stanno abbandonando le formazioni di combattenti clandestine in aree liberate dalla fragile coalizione guidata dagli Stati Uniti.

Sembra anche esserci un certo coordinamento tra queste cellule basate in Siria e i sostenitori dello Stato islamico all’estero. Vale la pena notare che solo nel 2018, nonostante sia stato fiaccato militarmente in Iraq e in Siria, lo Stato islamico ha portato a termine con successo attacchi terroristici in Siria, Iraq, Francia, Russia, Belgio, Niger, Mali, Indonesia, Burkina Faso e Afghanistan. Questi attacchi potrebbero far parte della strategia a lungo termine del gruppo, che potrebbe includere l’intensificazione degli attacchi ad alto numero di vittime contro i civili in tutto il mondo come una forma di rappresaglia e propaganda. In un incontro a Berlino, il mese scorso, i capi delle agenzie di intelligence europee hanno avvertito che lo Stato islamico avrebbe continuato ad attaccare obiettivi europei per il prossimo futuro. Andrew Parker, capo del servizio di sicurezza britannico (MI5), ha sottolineato che, nell’ultimo anno, l’agenzia ha ostacolato non meno di 12 complotti terroristici sul suolo britannico – la maggior parte dei quali legati allo Stato islamico.

Ancora più importante è la leadership dello Stato islamico che, ora, sta definendo attivamente la strategia a lungo termine del gruppo. Il suo parametro centrale sembra essere basato su un quadro ideologico elaborato con cura che consentirà al gruppo di sopravvivere alla perdita della sua roccaforte territoriale nel Medio Oriente. Gli esperti dicono a The Post che al-Baghdadi sembra mediare tra varie fazioni militanti sunnite nel tentativo di risolvere le controversie dottrinali di vecchia data. L’obiettivo generale è di unirli sotto l’ombrello ideologico dello Stato islamico, ma non necessariamente sotto un unico leader forte. Infatti, dopo aver appreso dall’esperienza di al-Qaeda, il cui marchio ha sofferto irreparabilmente dopo la scomparsa di Osama bin Laden, lo Stato islamico “ha deciso di de-enfatizzare” l’importanza di al-Baghdadi o di qualsiasi altro leader del gruppo, afferma The Post . Questo è il motivo per cui al-Baghdadi è rimasto silente per anni ed è improbabile che riemerga, indipendentemente da quello che succederà all’organizzazione nel prossimo futuro.

Lo stato islamico è tutt’altro che morto

Intelligence, INTELLIGENCE | 0 Comments

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>