Nada Bakos, ex analista della CIA: i Twitter di Trump sono ‘miniera d’oro’ per le spie straniere

Views

Con quasi 33 milioni di follower su Twitter, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump potrebbe facilmente essere descritto come il leader americano più social-friendly nel nostro secolo. È chiaro che Trump usa Twitter per comunicare direttamente con i suoi follower eludendo i media mainstream, che considera un contraddittorio rispetto alle sue politiche.

Tuttavia, secondo l’ex analista della Central Intelligence Agency Nada Bakos, le agenzie di intelligence straniere sono tra quelle che prestano molta attenzione ai tweet del presidente. Bakos ha trascorso 20 anni nella CIA, in particolare come il capo dell’unità che ha rintracciato Abu Musab al-Zarqawi, il fondatore di al-Qaeda in Iraq, che successivamente si è evoluto nello Stato islamico dell’Iraq e della Siria. In un editoriale del 23 giugno su The Washington Post, Bakos sostiene che il “Twitter feed” del presidente Trump è una miniera d’oro per ogni agenzia d’intelligence straniera “.

Tutte le agenzie di intelligence, spiega Bakos, costruiscono profili psicologici dei leader stranieri. Questi profili in genere si basano su informazioni raccolte attraverso operazioni d’intelligence “metodiche, minuziose e spesso nascoste”. Il prodotto finale può essere cruciale nel consentire ai paesi di elaborare strategie che contrastino i loro avversari. Ma con Trump non sono necessarie operazioni segrete di raccolta di informazioni per vedere cosa gli passa per la mente, dal momento che “i pensieri non filtrati del presidente sono disponibili giorno e notte”, afferma. L’ex analista della CIA sottolinea che i tweet del Presidente Trump sono pubblicati “senza un’ovvia mediazione” dai suoi aiutanti e consulenti, qualcosa che può essere visto dalla frequenza con cui elimina e riposta i tweet a causa di errori ortografici e grammaticali. Questi pensieri non filtrati su Twitter offrono uno “sguardo in tempo reale sulle preoccupazioni, sulle peculiarità della personalità e sulle abitudini mentali di un grande leader mondiale”, afferma Bakos.

Indubbiamente, le agenzie d’intelligence straniere utilizzano i tweet del presidente Trump in molti modi mentre costruiscono il suo profilo di personalità. I modi più ovvi sono eseguire analisi dei contenuti dei suoi tweet, che potrebbero quindi essere confrontati con le informazioni raccolte da altre fonti sulle principali decisioni politiche degli Stati Uniti. Inoltre, le agenzie d’intelligence straniere potrebbero identificare le fonti di informazione che il presidente americano sembra preferire, e quindi cercare di fornire informazioni a queste fonti che potrebbero influenzare le sue opinioni.

Paesi come l’Arabia Saudita e la Russia potrebbero averlo già fatto, sostiene Bakos. Le opinioni del presidente degli Stati Uniti, espresse attraverso Twitter, potrebbero anche essere confrontate e contrastate con le opinioni espresse dei suoi assistenti o alti funzionari del governo, al fine di discernere chi è d’accordo con quest’ultimo. È ugualmente utile analizzare i problemi o gli eventi di cui il presidente degli Stati Uniti twitta o meno o twitta con notevole ritardo.

Bakos non si spinge fino a suggerire che il presidente degli Stati Uniti dovrebbe astenersi dai social media, ma pensa chiaramente che l’uso dei social media da parte del leader statunitense sia troppo impulsivo e potenzialmente pericoloso dal punto di vista della sicurezza nazionale. Si lamenta anche che, durante la sua carriera nella CIA, lei e il suo team “non hanno mai avuto una fonte così ricca d’informazioni aperte su un leader mondiale, e certamente non hanno mai avuto l’opportunità che i loro avversari (e alleati) hanno ora” , grazie alla presenza incessante dei social media di Trump.

 

Nada Bakos, ex analista della CIA: i Twitter di Trump sono ‘miniera d’oro’ per le spie straniere

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>