Sventato in Danimarca, complotto agenti segreti iraniani

Views

Il governo danese ha richiamato l’ambasciatore iraniano e ha accusato i servizi di intelligence della Repubblica islamica di aver organizzato un’operazione per assassinare un individuo sul suolo danese. Funzionari del governo danese hanno anche affermato che Copenaghen cercherà di imporre ulteriori sanzioni economiche e diplomatiche a Teheran, in coordinamento con l’Unione europea. Le accuse contro l’Iran sono state comunicate durante una conferenza stampa  nella capitale danese, guidata da Anders Samuelsen, ministro degli esteri danese, e Finn Borch Andersen, direttore del servizio di sicurezza e intelligence danese, noto come PET.

I due alti rappresentanti danesi  hanno detto che “un’agenzia di intelligence iraniana” aveva pianificato “un attacco sul suolo danese”. Il  ministro della Difesa Samuelsen ha condannato l’attività sospetta definendola “completamente inaccettabile”. Il direttore del PET Andersen ha detto che un cittadino norvegese di origine iraniana era stato arrestato in Svezia il 21 ottobre ed era ora in custodia in attesa di estradizione in Danimarca. L’arrestato è un impiegato dell’intelligence iraniana, ha detto Andersen, ed è stato scoperto mentre stava conducendo attività di sorveglianza nei confronti di un membro di spicco del gruppo separatista iraniano. Il presunto obiettivo era un membro del Movimento di Lotta araba per la liberazione di Ahvaz (ASMLA), un gruppo separatista che opera in clandestinità per una patria separata a favore della minoranza araba dell’Iran. Circa il 2% degli iraniani (circa 1,5 milioni di persone) appartiene alla popolazione araba etnica del paese. Molti di loro sono concentrati in Khuzestan, una regione nel sud-ovest ricco di petrolio dell’Iran, che confina con il vicino Iraq. Alcuni di questi arabi etnici cercano l’autonomia da Teheran, che vedono come un regime alieno. ASMLA rappresenta l’ala militante della comunità araba separatista dell’Iran e ha una storia di attacchi terroristici in Iran. Lo scorso settembre, il gruppo ha rivendicato l’attacco armato a una parata militare nella città di Ahvaz – un importante centro urbano nella regione di lingua araba iraniana – che ha ucciso 24 persone, tra cui alcune donne e bambini. Successivamente, tuttavia, un rappresentante del gruppo ha ritirato la rivendicazione dell’attentato.

Tuttavia diversi funzionari iraniani hanno smentito le pesanti accuse del governo danese. Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Bahram Qassemi ha respinto le accuse della Danimarca come “pretestuose”. Accuse descritte come “un complotto dei nemici iraniani per danneggiare le crescenti relazioni di Teheran con i paesi europei”. All’inizio di questo mese, la Francia ha sequestrato le risorse finanziarie di individui descritte come spie iraniane, dopo aver accusato Teheran di aver sventato un attentato dinamitardo a Parigi. L’attività investigativa ha poi portato all’arresto di sei persone in Francia, Germania e Belgio, che presumibilmente avevano pianificato di compiere un attenato lo scorso giugno contro la conferenza annuale del Consiglio nazionale della resistenza iraniana (NCRI). Il CNRI è guidato da Mujahedin-e Khalq (MEK), un gruppo militante con radici nell’Islam radicale e nel marxismo, che l’Iran considera un’organizzazione terroristica.

Sventato in Danimarca, complotto agenti segreti iraniani

INTELLIGENCE |