Un nuovo libro torna ad infangare il nome di Michael Foot, capo del partito laburista britannico degli anni ’80

Views

La leadership del partito laburista in Gran Bretagna ha reagito con sdegno al contenuto di in un nuovo libro dove l’autore affermava che Michael Foot, che guidava il partito nei primi anni ’80, era un agente pagatore del KGB sovietico.

Foot, un rappresentante fedele e convinto della sinistra britannica del dopoguerra, è stato un membro del parlamento per oltre 40 anni , e successivamente, Capo della Camera dei Comuni. Succeduto a Jim Callahan divenne capo del Partito laburista nel 1980 per poi dimettersi nel 1983 all’indomani della più grande sconfitta elettorale del Labour in oltre mezzo secolo.

Due anni dopo, nel 1985, Oleg Gordievsky, un colonnello del KGB sovietico, disertò in Gran Bretagna e rivelò di essere stato una spia per gli inglesi dal 1974. Nel 1995, Gordievsky ha raccontato i suoi anni come ufficiale del KGB e il suo spionaggio per la Gran Bretagna in un libro di memorie, intitolato Next Stop Execution. Il libro è stato abbreviato e serializzato sul quotidiano Times di Londra.

In esso Gordievsky affermava che Foot era stato un “agente di influenza” sovietico e che il KGB aveva il nome in codice “Agent BOOT”. Foot ha fatto causa al Times per diffamazione, dopo che il giornale ha pubblicato un articolo di punta intitolato “KGB: Michael Foot era il nostro agente”. Il politico del partito laburista vinse la causa e ottenne la restituzione finanziaria dal giornale.

La scorsa settimana, tuttavia, le accuse sulle connessioni di Foot con l’intelligence sovietica sono riemerse con la pubblicazione di The Spy and the Traitor, un nuovo libro che racconta la vita e le gesta di Gordievsky. Nel libro, l’editorialista e autore del Times Ben Macintyre sostiene che le accuse di Gordievsky del 1995 su Foot fossero accurate e che Gordievsky le trasmise ai servizi segreti britannici prima di dichiararsi apertamente in Gran Bretagna.

Secondo Macintyre, Gordievsky ha informato il barone Armstrong di Ilminster, un alto funzionario e segretario di gabinetto del primo ministro britannico Margaret Thatcher. Lord Armstrong, un esperto veterano della politica britannica, a sua volta ha comunicato le informazioni al Secret Intelligence Service (MI6) nell’estate del 1982. L’editorialista del Times sostiene che l’MI6 abbia ricevuto informazioni specifiche da Lord Armstrong, secondo cui Foot era stato in contatto con il KGB per anni e che era stato pagato l’equivalente di £ 37.000 ($ 49.000) in denaro di oggi per i suoi servizi.

L’agenzia di spionaggio alla fine stabilì che Foot non avrebbe potuto essere consapevole del fatto che i sovietici lo stavano usando come agente di influenza. Ma i funzionari del MI6 osservarono le accuse di Gordievsky abbastanza significative da giustificare un avvertimento dato alla Regina Elisabetta II, nel caso in cui il partito laburista avesse vinto le elezioni generali del 1983 e Foot divenne il primo ministro britannico.

Le ultime accuse hanno provocato una raffica di condanne da parte degli attuali e ex funzionari del Partito laburista. Il suo attuale leader, Jeremy Corbyn, che come Foot proviene anche dalla sinistra del Partito, ha denunciato Macintyre per infangare il nome di un uomo morto, che si è difeso con successo  contro le stesse accuse,  quando era ancora in vita.

Il vicepresidente laburista, John McDonnell, ha criticato il Times per aver “svilito gli standard del giornalismo in questo paese”.  Neil Kinnock, che successe a Piedi nella guida del partito laburista nel 1983, disse che le accuse di Macintyre erano “sporche” e descrissero Piede come un “critico appassionato e continuo dell’Unione Sovietica”.

Un nuovo libro torna ad infangare il nome di Michael Foot, capo del partito laburista britannico degli anni ’80

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>