Usa, cinque anni di carcere all’agente WInner, “voglio bruciare la Casa Bianca”

Views

Un giudice federale ha condannato l’ex agente di sicurezza degli Stati Uniti Reality Winner  a più di cinque anni di carcere dopo aver ammesso di aver dato ad un media un rapporto segreto sull’ingerenza russa nelle elezioni statunitensi.

Winner, 26 anni, che ha già trascorso quasi due anni in prigione, si è dichiarata colpevole per aver passato il rapporto della National Security Agency a The Intercept nel 2016.

Durante un’audizione nella città natale di Winner, Augusta, in Georgia, il giudice James Hall ha approvato la richiesta dei suoi avvocati per una condanna di 63 mesi seguita da tre anni di rilascio sotto supervisione, ha detto l’avvocato  Nichols. È stata la condanna più lunga mai pronunciata a qualcuno per aver divulgato illegalmente informazioni governative, secondo Nichols.

“La sentenza e l’accordo di patteggiamento allegato riflettono entrambi che la Realtà riconosce che le azioni hanno conseguenze e che ha imparato dal suo errore ed è pronta ad accettare le conseguenze delle sue azioni”, hanno detto in una nota gli avvocati di Winner.

Judge Hall ha anche accettato di far trasferire Winner in una prigione federale a Fort Worth, in Texas, dove potrebbe ricevere servizi medici e essere più vicina alla sua famiglia.

I procuratori federali hanno dichiarato che la sua condanna a più di cinque anni è stata appropriata perché Winner ha tradito la fiducia dei suoi colleghi e del suo paese.

“Winner aveva lavorato con Pluribus International Corp, una società che fornisce servizi analitici per le agenzie di difesa e di intelligence degli Stati Uniti.

Il documento dell’ NSA conteneva dettagli tecnici su ciò che si diceva fossero tentativi russi di influenzare funzionari elettorali negli Stati Uniti e una società di voto prima delle elezioni presidenziali del novembre 2016, hanno detto due funzionari statunitensi che conoscono il caso.

Winner ha ammesso di aver intenzionalmente stampato una copia del rapporto dell’intelligence nel suo ufficio e di averlo spedito. È stata incriminata per un solo capo d’accusa federale di conservazione e trasmissione intenzionale di informazioni di difesa nazionale, un crimine sotto la legge dello spionaggio e della censura che comporta una pena massima di 10 anni di carcere.

Betsy Reed, redattore capo di The Intercept, ha dichiarato  che Winner dovrebbe essere onorata, e che la sua condanna e altri procedimenti giudiziari contro gli informatori sono stati attacchi alla libertà di parola e alla stampa.

“Invece di essere riconosciuta come un informatore guidato dalla coscienza la cui divulgazione ha contribuito a proteggere le elezioni negli Stati Uniti, Winner è stata perseguita con determinazione dal Dipartimento di Giustizia”.

Un giudice federale ha ordinato che Winner venisse tenuta lontano da alcun legame perché  i pubblici ministeri temono una ulteriore fuga di notizie dopo aver visionato gli “inquietanti” commenti sul suo taccuino.

In una sezione Winner ha scritto: “Voglio bruciare la Casa Bianca” poi gli investigatori hanno anche trovato i nomi di tre estremisti islamici gia’ noti alle autorità federali.

Reuters

Usa, cinque anni di carcere all’agente WInner, “voglio bruciare la Casa Bianca”

INTELLIGENCE | 0 Comments

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>