Polizia Ferroviaria e l’operazione Active Shield

Views

17 arrestati, 208 indagati e oltre 39.900 identificati, il bilancio della settimana della Polizia di Stato in ambito ferroviario caratterizzata anche dall’operazione “Active Shield”

17 arrestati, 208 indagati, 39.921 identificati, 192 le sanzioni elevate e 19 i minori non accompagnati rintracciati e riaffidati alle famiglie o alle comunità: è questo il bilancio dei controlli nell’ultima settimana della Polizia Ferroviaria. 3.872 le pattuglie impegnate in stazione e 1.156 a bordo treno, per un totale di 2.434 treni scortati; 269 i servizi antiborseggio in abiti civili.

Controlli intensificati durante la settimana anche grazie all’operazione “Active Schield” l’iniziativa che si colloca nell’ambito dell’attività di collaborazione internazionale di Polizia ed è stata organizzata da RAILPOL, Associazione di Polizie Ferroviarie e dei Trasporti Europee, con l’obiettivo di attivare, contestualmente in tutti i Paesi aderenti, controlli preventivi a viaggiatori e relativi bagagli. 1.588 operatori della Polizia Ferroviaria che hanno presidiato 642 stazioni e controllato 1.801 treni. 9.564 gli identificati, di cui 39 tra arrestati e denunciati e 2.707 bagagli controllati.

In particolare, a Verona gli Agenti della Polizia Ferroviaria hanno arrestato un cittadino rumeno venticinquenne per resistenza, lesioni e violenza a Pubblico Ufficiale. L’uomo che si trovava su un Freccia Argento in arrivo in stazione, era in evidente stato di alterazione dovuta all’assunzione di alcool e stava infastidendo i viaggiatori. Gli operatori della Polfer sono saliti a bordo per procedere al controllo dello straniero che alla vista dei poliziotti ha iniziato ad offenderli rifiutando di farsi identificare. Il comportamento violento del soggetto è continuato anche in ufficio, sferrando calci e buttando a terra un Agente. Lo straniero è stato poi bloccato e tratto in arresto.

Gli Agenti della Polizia Ferroviaria di Milano hanno arrestato due spacciatori, un cittadino del Congo e un nigeriano, nella stazione ferroviaria. Gli Operatori Polfer hanno notato nel piazzale antistante la stazione un uomo che avvicinava alcuni giovani offrendo loro in vendita della sostanza stupefacente. Il soggetto si è allontanato poi in direzione di un giardinetto pubblico dove era seduto su una panchina un giovane straniero. Quest’ultimo, dopo aver prelevato un calzino celato dal fogliame ha estratto dal suo interno due involucri in cellophane consegnandoli all’uomo che si è nuovamente allontanato. Agli Agenti lo hanno immediatamente bloccato e si sono fatti consegnare i due involucri. Contemporaneamente altri poliziotti hanno fermato l’altro straniero e recuperato il calzino con altri 10 involucri contenente marijuana.

Una pattuglia Polfer di Milano Bovisa ha arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni, un cittadino italiano di 43 anni, con svariati precedenti per reati contro la persona ed il patrimonio, per aver aggredito un capotreno. L’uomo, una settimana prima, aveva aggredito un altro Capotreno presso la Stazione di Seregno (MB). In particolare, questo asseriva di aver invitato il viaggiatore ad esibire il titolo di viaggio ma, non essendone provvisto, lo invitava a scendere dal convoglio nella successiva stazione. Il soggetto lo ha aggredito con calci e pugni per poi darsi alla fuga. Questa volta il tentativo di fuga è stato vano perché la pattuglia Polfer lo ha immediatamente bloccato.

A Milano Centrale arrestate tre borseggiatrici, due bosniache e una italiana, per furto in concorso. Le tre donne si aggiravano nel piazzale antistante la stazione ferroviaria, si sono avvicinate ad una turista turca, e mentre due di loro coprivano le mosse della complice, quest’ultima, con abile destrezza ha aperto la borsa della malcapitata. Gli operatori Polfer sono prontamente intervenuti interrompendo l’azione delittuosa e hanno arrestato le tre donne.

Un cittadino tunisino è stato arrestato per furto aggravato, nei pressi della Stazione di Roma Termini dal personale Polfer, per aver rubato un telefono cellulare ad una turista.

L’uomo si è avvicinato alla donna e, dopo averla spinta, sfilava dalla tasca del cappotto un telefono cellulare dandosi poi alla fuga. I poliziotti che hanno assistito alla scena dopo un breve inseguimento, sono riusciti a bloccare il tunisino e a recuperare il telefono.

Un quarantacinquenne del Burkina Faso è stato arrestato dagli Agenti Polfer di Napoli per il reato di furto aggravato. Dopo la segnalazione da parte del personale di protezione aziendale di R.F.I. della presenza, nell’impianto di Napoli Traccia, di una persona sospetta che si aggirava sui binari, è stata immediatamente allertata la pattuglia. Giunti sul posto, i poliziotti hanno trovato un extracomunitario che, dopo aver rubato materiale elettrico e pneumatico di componentistica dei treni Frecciarossa e su supporto alla movimentazione dei convogli, ha tentato la fuga. Gli agenti lo hanno poi bloccato ed arrestato. L’intervento tempestivo degli operatori Polfer ha scongiurato il blocco della circolazione ferroviaria.

Tra gli episodi a lieto fine, gli Agenti Polfer di Roma Ostiense hanno effettuato un intervento di salvataggio di un ragazzo che è stato sorpreso a camminare e saltellare sulla banchina mettendo a repentaglio la propria incolumità e rappresentando un pericolo, considerato il continuo transito dei treni. I poliziotti hanno avvicinato il ragazzo, e dopo aver constatato che lo stesso non fosse completamente padrone di sé, lo hanno calmato e messo in sicurezza.

La Polfer ha rintracciato una ragazza alla stazione di Roma Termini, proveniente da Civitavecchia, che era scappata dalla Comunità dove si trovava per andare a trovare un’amica a Salerno, conosciuta su un social network. La giovane, a seguito di una segnalazione era stata rintracciata dal personale della Sottosezione Polfer di Civitavecchia, che l’aveva rifocillata e accompagnata presso gli Uffici di Polizia. Dopo aver saputo che non le sarebbe stato consentito di continuare il viaggio verso Salerno, la ragazza ha dato in escandescenza. Richiesto l’intervento sanitario, è stata portata in Ospedale di Civitavecchia, ma nel pomeriggio si è allontanata dalla struttura per riprendere il viaggio. Tramite i sistemi di videosorveglianza è stata poi rintracciata dagli operatori Polfer a Roma Termini.

A Torino gli Agenti Polfer hanno rintracciato una donna anziana che si era allontanata dalla casa del figlio, a seguito di una discussione avuta con il familiare. La signora è stata accolta negli uffici di polizia e tranquillizzata. L’anziana, della quale risultava denuncia di scomparsa, è stata poi affidata alla figlia perché non voleva essere ricondotta a casa del familiare.

Polizia Ferroviaria e l’operazione Active Shield