🎤Libano: oggi le votazioni politiche, apprensione della comunità internazionale

Views

I libanesi hanno iniziato a votare oggi nelle loro prime elezioni generali dopo nove anni.
Le strade di Beirut erano tranquille nelle prime ore di questa mattina, ma piccole folle si erano radunate attorno alle scuole utilizzate come seggi elettorali dove le pareti sono  tappezzate di bandiere di partito e foto dei principali candidati.
Abu Sami, 40 anni, funzionario, ha detto di essere stanco dei politici affermati. “Oggi sceglierò facce nuove”, ha detto.
Il Libano ha per lo più superato la tempesta regionale causata da sette anni di guerra della vicina Siria che ha attirato i poteri regionali e scatenato un’ondata di rifugiati, ma ha attraversato diverse crisi interne dalle ultime elezioni.
Le trasmissioni televisive hanno mostrato che gli elettori fanno la coda ai seggi elettorali di tutto il piccolo paese del Mediterraneo per esprimere le loro votazioni in base a nuove regole di voto che preservano ancora il sistema settoriale di condivisione del potere del paese.

La legge elettorale ritiene  illegale pubblicare sondaggi elettorali. Qualunque sia il risultato, un altro governo di coalizione che include la maggior parte dei principali partiti, come quello che ha governato dal 2016, probabilmente si formerà dopo le elezioni, hanno detto gli analisti. Il Libano ha uno dei più alti rapporti debito / PIL del mondo e il Il Fondo Monetario Internazionale ha avvertito che la sua traiettoria fiscale è insostenibile.
Le agenzie di rating avevano sottolineato l’importanza del Libano per nuove elezioni dopo che il parlamento aveva esteso la sua legislatura diverse volte come segno che il paese stava tornando alla normalità dopo anni di difficoltà politiche.

Dopo le ultime elezioni del 2009, l’inizio della guerra civile in Siria, l’arrivo di oltre un milione di rifugiati e una serie di attacchi militanti hanno aggravato le faglie politiche interne.
I blocchi rivali in parlamento non potevano essere d’accordo su un nuovo presidente tra il 2014-16 e hanno deciso tre volte di ritardare le elezioni, in parte a causa del disaccordo sul passaggio da un sistema di voto proporzionale a un vincitore.
Gli elettori sono registrati non dove vivono, ma nel distretto da cui provenivano i loro antenati, il che significa che un gran numero di elettori deve viaggiare dalla capitale Beirut verso i villaggi di tutto il paese.
Il complicato nuovo sistema ha confuso alcuni elettori e reso imprevedibile il concorso in posti precedentemente sicuri. Ma ha fatto ben poco per minare l’elite politica radicata da tempo, un gruppo che include dinastie locali ed ex signori della guerra.
Nelle elezioni comunali di due anni fa, i candidati indipendenti si sono comportati bene contro i partiti politici affermati attingendo alla rabbia pubblica nei confronti dei servizi pubblici poveri, compresa una crisi che vede  montagne di spazzatura ammassate nelle strade.
Nonostante alcuni atti di violenza e intimidazione legati alle elezioni nelle ultime settimane, nessun incidente rilevante è stato segnalato nella fase immediatamente precedente al voto.
Tuttavia, domenica c’era una presenza di sicurezza a Beirut e un testimone di Reuters ha visto una lunga colonna militare di veicoli corazzati e altre truppe che si dirigevano lentamente nella capitale. Le forze di sicurezza hanno messo una sentinella agli angoli delle strade e vicino ai seggi elettorali.
Gli osservatori dall’Unione Europea e altri organismi internazionali stanno monitorando le fasi delle elezioni.
Gli analisti stanno osservando da vicino il risultato del partito del Movimento futuro del primo ministro musulmano sunnita Saad al-Hariri e quello del gruppo sciita Hezbollah appoggiato dall’Iran e dei suoi alleati.
Il paese è stato periodicamente un’arena per l’intensa competizione regionale tra Iran e Arabia Saudita. Tuttavia, in questa elezione, Riyadh ha ritirato il precedente supporto per Hariri, il sostegno che lo aveva aiutato  nel 2009.
Ottenere rapidamente un nuovo governo avrebbe rassicurato gli investitori sulla stabilità economica del Libano dopo che i donatori avevano promesso 11 miliardi di dollari  in prestiti agevolati per un programma di investimento di capitale lo scorso mese, in cambio di riforme fiscali e di altro tipo. Il primo incontro di follow-up è previsto entro poche settimane.

🎤Libano: oggi le votazioni politiche, apprensione della comunità internazionale

MONDO, PRP Channel |