87 milioni di dati personali in ballo, lo scandalo di Facebook e Cambridge Analytica tende ad allargarsi

Views

Facebook ha detto ieri che le informazioni personali di 87 milioni di utenti, per lo più negli Stati Uniti, potrebbero essere state scambiate in modo improprio con la società di consulenza politica Cambridge Analytica, rispetto a una precedente stima di oltre 50 milioni di media.
L’amministratore delegato Mark Zuckerberg ha detto in una conference call con i giornalisti che Facebook non ha visto “alcun impatto significativo” sull’utilizzo o sulle vendite dopo gli annunci dello scandalo, sebbene ha aggiunto, “non va bene” se i clienti non sono contenti della compagnia.
Le azioni sono comunque aumentate di oltre il 3% dopo lo scandalo. Zuckerberg ha detto ai giornalisti che ha accettato la colpa della fuga di dati, che ha irritato utenti, inserzionisti e legislatori, dicendo anche che era ancora la persona giusta per dirigere la compagnia da lui fondata.
“Quando stai costruendo qualcosa come Facebook che non ha precedenti nel mondo, ci saranno anche cose negative”, ha detto Zuckerberg, aggiungendo che l’importante e’ imparare dagli errori.
Ha detto di non essere a conoscenza di alcuna discussione sulla bacheca di Facebook su di lui da parte degli azionisti.
Ha detto che non aveva licenziato nessuno per lo scandalo e non aveva intenzione di farlo. “Non sto cercando di buttare nessun altro sotto l’autobus per gli errori che abbiamo fatto qui”, ha detto.
Facebook ha riconosciuto per la prima volta il mese scorso che le informazioni personali su milioni di utenti sono finite ingiustamente nelle mani di Cambridge Analytica.

Zuckerberg testimonierà della questione martedì prossimo e mercoledì durante due udienze del Congresso degli Stati Uniti.
Cambridge Analytica, con sede a Londra, che ha trattato la campagna 2016 del presidente americano Donald Trump, ha contestato la stima di Facebook degli utenti interessati. Mercoledì ha detto su Twitter di aver ricevuto non più di 30 milioni di record da un ricercatore assunto per raccogliere dati sulle persone su Facebook.
Zuckerberg, incalzato dai giornalisti, ha detto che Facebook avrebbe dovuto fare di più per controllare e supervisionare sviluppatori di app di terze parti come quello che Cambridge Analytica ha assunto nel 2014.

“Sapendo quello che so oggi, chiaramente avremmo dovuto fare di più”, ha detto.
Facebook sta prendendo provvedimenti per limitare i dati personali disponibili per gli sviluppatori di app di terze parti, ha detto, e potrebbero volerci ancora due anni per risolvere tali problemi.
“Stiamo allargando la nostra visione della nostra responsabilità”, ha detto Zuckerberg.

La maggior parte degli oltre 87 milioni di persone i cui dati sono stati condivisi con Cambridge Analytica sono residenti negli Stati Uniti, lo ha scritto il responsabile della tecnologia di Facebook Mike Schroepfer in un post sul blog.
Le azioni di Facebook hanno chiuso lo 0,6 percento di mercoledì a $ 155,10. Sono crollati di oltre il 16% da quando è esploso lo scandalo di Cambridge Analytica.
La stima precedente di oltre 50 milioni di utenti di Facebook interessati dalla fuga di dati proveniva da due quotidiani, il New York Times e l’Observer di Londra, basati sulle loro indagini su Cambridge Analytica.
Secondo Zuckerberg, Facebook ha raggiunto la stima più alta osservando  il numero di persone che hanno scaricato un’applicazione per il quiz sulla personalità creata dall’università accademica dell’Università di Cambridge fatto Aleksandr Kogan.
Cambridge Analytica ha affermato di aver impegnato Kogan “in buona fede” a raccogliere i dati di Facebook in un modo simile a come altri sviluppatori di app di terze parti hanno raccolto informazioni personali.
Lo scandalo ha dato il via alle indagini dell’Ufficio del Commissario per le informazioni della Gran Bretagna, del Commissario per la privacy in Australia e della Federal Trade Commission degli Stati Uniti e di circa 37 avvocati degli Stati Uniti.
Il governo della Nigeria indagherà sulle accuse di coinvolgimento improprio da parte di Cambridge Analytica nelle elezioni 2007 e 2015 di quel paese, ha detto oggi un portavoce della presidenza.

87 milioni di dati personali in ballo, lo scandalo di Facebook e Cambridge Analytica tende ad allargarsi