Arrestato in Russia come spia: la tragedia di un pensionato norvegese

Views

Un pensionato norvegese, arrestato nella Russia settentrionale alla fine dello scorso anno con l’accusa di spionaggio, ha prestato servizio come corriere per il servizio di intelligence norvegese (NIS), secondo il suo avvocato. Lo scorso dicembre, intelNews ha riferito dell’arresto di Frode Berg, 62 anni, da Kirkenes, una piccola città nell’estremo nord della Norvegia, situata vicino al confine russo. Berg è andato in pensione nel 2014 dopo quasi 25 anni di servizio presso l’ufficio del Commissario di frontiera norvegese, un’agenzia governativa che opera sotto il Ministero norvegese della giustizia e della sicurezza pubblica. Dopo il suo ritiro, Berg ha viaggiato regolarmente in Russia e ha contribuito a organizzare una serie di eventi della comunità norvegese-russa, tra cui gare di atletica e festival d’arte. Ma è attualmente in una prigione russa e deve affrontare una lunga pena detentiva se condannato per accuse di spionaggio.

Martedì, tuttavia, The Washington Post ha detto di aver parlato con l’avvocato di Berg, Brynjulf ​​Risnes. Su una linea telefonica da Oslo, Risnes ha detto al giornale che il suo cliente era arrivato a credere di essere stato “maltrattato” dal NIS, e che lo ha detto durante una seduta a Mosca all’inizio di quest’anno. “Siamo abbastanza convinti”, ha detto Risnes, “che questa è una vera e propria spia norvegese”. L’avvocato ha dichiarato all’Ante Anton Troianovski che il suo cliente aveva incontrato un uomo di nome “Jorgen”, che lavorava per il NIS. Chiese a Berg di portare delle buste durante i suoi frequenti viaggi in Russia. Berg alla fine si rese conto che le buste contenevano istruzioni operative per i servizi segreti norvegesi all’interno della Russia, e talvolta denaro fino a € 3.000 a busta. Ha fatto come gli era stato detto “tra le due e le cinque volte”, ha detto Risnes, con la piena consapevolezza di operare come corriere per NSI.

Tuttavia, quando Berg iniziò ad avere ripensamenti sulle sue attività, temendo l’arresto, “Jorgen” lo spinse a continuare, secondo Risnes. Ad un certo punto, il rappresentante della NIS ha chiesto a Berg: “Non vuoi essere un buon norvegese?”. In tal modo, il NIS esercitò pressioni su Berg affinché continuasse a fare il corriere, respingendo le sue esitazioni come infondate e non riuscendo a informarlo sui reali rischi implicati nell’agire come corriere dei servizi segreti all’interno della Russia. Risnes ha dichiarato al The Washington Post che nessuna accusa è stata presentata contro Berg da Mosca, e che i sostenitori del pensionato 62enne di Kirkenes sperano di poter essere scambiati con spie russe che si trovano in Norvegia. Ma al momento non si sa che tali persone esistano e, secondo Torbjorn Brox Webber, residente a Kirkenes e sostenitore di Berg, è improbabile che uno scambio di spie possa avvenire.

Arrestato in Russia come spia: la tragedia di un pensionato norvegese