Bob Dylan torna in concerto in Italia. Un appuntamento da non perdere

Views
   

A distanza di tre anni dall’ultima volta in cui il premio Nobel per la letteratura, Bob Dylan si era esibito nel nostro paese, a partire dal 3 aprile e fino al giorno 9 dello stesso mese, il cantautore americano allieterà di nuovo i suoi numerosissimi fans italiani in una settimana che prevede le prime tre date, dal 3 al 5 aprile all’Auditorium Parco della Musica di Roma per poi proseguire verso nord, dove il 7 aprile sarà al Mandelaforum di Firenze, il giorno 8 aprile al Palabam di Mantova, per chiudere il 9 aprile al al Teatro degli Arcimboldi di Milano.
In questi tre anni di assenza dall’Italia il cantautore americano, la cui infinita carriera, partita discograficamente nel 1962,  ha pubblicato 3 album, “Fallen Angels” nel 2016, il bellissimo “Triplicate” ed infine “Trouble No More”, uscito da pochissimo, ma che sta riscuotendo già un grande successo.
Bob Dylan, famoso per l’assoluta indifferenza per il giudizio generale, oltre che per uno spiccato gusto di andare controcorrente, è salito agli onori della cronaca lo scorso anno, quando con grande sorpresa ed anche diverse polemiche, si è aggiudicato il prestigioso premio Nobel per la letteratura, onore mai conferito prima ad un musicista. Lo stesso artista, era stato insignito in precedenza della “Medal of Freedom” da Barack Obama.
Impossibile stilare un elenco dei brani che il “song writer” ha regalato al panorama musicale mondiale. Nella sua immensa e preziosa discografia, hanno pescato i migliori artisti in circolazione che hanno preso in prestito suoi pezzi per l’interpretazione di “cover” che hanno, se possibile, addirittura impreziosito le opere di Dylan, rendendole fruibili anche ad altre fasce di fans. Consci che faremo un grandissimo torto ad altri pezzi e ad altri artisti, magari di maggiore spessore, ci viene in mente un caso su tutti: il magnifico “Knockin’ on Heaven’s Door” della cui versione originale si può “godere” nel video allegato all’articolo, reinterpretata dai Guns n’Roses che per l’appunto, tornando al discorso di prima, rendono il brano più fruibile ad un pubblico più giovane e dai gusti musicali meno classici. Un modo indiretto ma sicuramente funzionale per avvicinare una platea più giovane ad un artista da conoscere ed approfondire grazie alla sua sterminata ed eccellente discografia.
L’appuntamento di aprile 2018 è di quelli da non perdere per ammirare uno degli artisti viventi di più alto spessore dal punto di vista musicale e non solo quello, e la classica occasione per poter dire un giorno non troppo lontano: “io Bob Dylan l’ho visto, e soprattutto sentito, dal vivo”.
I biglietti dei concerti saranno in vendita a partire dalle 11 di venerdì 10 novembre.
GB
Foto: Google