Cina insedia nuova base aerea a ridosso di Taiwan: venti di guerra?

Views

Secondo Defense News la Cina starebbe posizionando  una base aerea sulla costa del Mar Cinese Orientale, aggiungendo strutture che potenzialmente consentono di posizionare in permanenza aerei da combattimento più vicini a Taiwan e isole di cui Cina e Giappone rivendicano la proprietà.

Le foto satellitari scattate ad aprile mostrano che la costruzione di nuovi 24 rifugi per aeromobili, vie di rullaggio e altri edifici sono sul punto di essere completati presso la base aerea vicino alla città di Xiapu, nella provincia costiera del Fujian in Cina.

I nuovi rifugi per aeromobili sono costruiti in uno stato semi-disperso in sei gruppi di quattro, con due cluster costruiti vicino alla fine della singola pista di 1,7 miglia e il resto situato in una delle due aree di dispersione degli aerei che ha già 15 di i 20 ripari di velivoli mimetizzati presso la base. Ciascuno dei nuovi rifugi misura circa 100 piedi di lunghezza e 60 di larghezza, il che è più che sufficiente per ospitare la famiglia di aerei da combattimento cinesi Sukhoi Su-30/35 e Shenyang J-11/15/16 Flanker.

Diversi edifici militari sono stati costruiti come parte del progetto di potenziamento, che comprende anche cinque nuovi blocchi di caserme insieme a quello che il colonnello Vinayak Bhat, in precedenza utilizzato come analista di immagini satellitari con l’esercito indiano, ha detto che sembra essere un parcheggio garage e strutture di collaudo e ispezione per veicoli. L’area di compensazione del terreno si trova anche nell’angolo nord orientale del complesso di base, suggerendo che potrebbero essere aggiunte ulteriori strutture.

La natura semi-dispersa dei nuovi rifugi per aeromobili è un allontanamento dalla pratica normale presso le basi cinesi, i cui rifugi sono normalmente costruiti in linea retta con l’aereo alloggiato parcheggiato uno accanto all’altro, ed è probabile che rifletta la natura frontale della base aerea.

La base si trova a 160 miglia dalla capitale Taipei di Taiwan e a  225 miglia dalle isole Senkaku amministrate dai giapponesi nel Mar Cinese orientale, rendendolo più vicino alle isole rispetto al più vicino aereo da combattimento giapponese che si trova a 260 miglia di distanza a Naha, ad Okinawa. La Cina rivendica anche la proprietà delle isole, che chiama le Isole Diaoyu.

La costruzione dei nuovi rifugi di aeromobili presso la base aerea potrebbe indicare che la  Cina ha deciso di trasformarla in una base operativa a pieno titolo con il proprio stormo di velivoli da combattimento assegnato in permanenza. In precedenza era stato utilizzato solo come base di spiegamento dal completamento nel 2012, ospitando distaccamenti rotanti in corso di circa 12 aerei da combattimento dell’esercito.

Queste rotazioni, che le foto satellitari mostrano quasi sempre includono il caccia multiruolo Sukhoi Su-30 o gli intercettori Shenyang J-11 costruiti in Cina, sono ritenute sempre più utilizzate per accompagnare il bombardiere PLAAF e gli aerei che raccolgono informazioni sul Pacifico occidentale nello spazio aereo internazionale sopra lo stretto di Miyako, con i dati rilasciati dal Ministero della Difesa giapponese che mostrano i caccia  diretti a Xiapu.

Ai caccia  di solito seguono i velivoli rifornitori oltre lo stretto di Miyako prima di tornare indietro, il che equivale a un viaggio di andata e ritorno di oltre 1.000 miglia da Xiapu.

I bombardieri della PLAAF hanno inoltre effettuato sempre più voli per circumnavigare l’isola di Taiwan, che la Cina considera una provincia canaglia e ha affermato che se necessario tornerà ad usare la forza. L’ultima missione riportata l’11 maggio ha visto due gruppi di bombardieri Xian H-6K circumnavigare contemporaneamente Taiwan da nord e sud dell’isola, con un gruppo che volava in senso orario e l’altro in senso antiorario.

Secondo l’annuncio del ministero cinese della Difesa nazionale, i caccia Sukhoi Su-35 hanno sorvolato il Canale di Bashi a sud di Taiwan, il che renderebbe la prima volta noto il primo utilizzo del velivolo  in tali missioni. I voli hanno stimolato sia la Forza di autodifesa della Japan Air che l’Air Force della Repubblica di Cina di Taiwan per intercettare e osservare i bombardieri della PLAAF e gli aerei della raccolta di intelligence, che secondo il Ministero della difesa giapponese includevano Tupolev Tu-154 e Shaanxi Y-8.

Cina insedia nuova base aerea a ridosso di Taiwan: venti di guerra?

MONDO, PRP Channel |