I cybercriminali prendono di mira il boom delle criptovalute

Views

La popolarità di Bitcoin e l’emergere di circa 1.500 altre monete o gettoni digitali hanno attirato più hacker nel cyber della criptovaluta, espandendo le opportunità di criminalità e frode, secondo la società di sicurezza informatica Digital Shadows, in un rapporto di giovedì.

I criminali informatici seguono l’evoluzione delle cryptovalute in un mondo non regolamentato in gran parte non sicuro e quindi facile  per indirizzare le persone, le imprese e gli scambi arricchirsi  rapidamente e facilmente “, ha dichiarato Rick Holland, vice presidente della strategia di Digital Shadows.
Le valute digitali sono rapidamente diventate una attività redditizia  negli ultimi due anni, in quanto le società e le istituzioni finanziarie hanno ampliato l’uso della sottostante tecnologia blockchain.
Con lanci settimanali di nuove monete alternative, o “altcoin”, i criminali informatici hanno sviluppato diversi schemi per frodare i possessori di criptovaluta. “Crypto jacking”, acquisizioni di account, frodi minerarie e truffe contro le offerte di monete iniziali (Ico) sono diventate sempre più comuni, afferma il rapporto.
Nel crypto jacking, i criminali informatici prendono di nascosto il browser di un altro computer e lo usano per estrarre fraudolentemente o creare criptovalute, secondo il rapporto di Digital Shadows. I minatori utilizzano software speciali per risolvere problemi di matematica e vengono emessi un certo numero di bitcoin o criptocurrenici in cambio.
Il software Crypto Jacker consente agli utenti di clonare siti Web popolari e avviare campagne di spam.
La società per la sicurezza informatica ha affermato che i criminali commettono anche frodi minerarie utilizzando botnet, raccolte di dispositivi connessi a Internet, che possono includere PC, server e dispositivi mobili infetti e controllati da un tipo comune di malware. Gli utenti sono spesso inconsapevoli che una rete bot ha infettato il loro sistema.
Le botnet sono state usate per la prima volta per estrarre bitcoin nel 2014. Il processo era troppo complesso per essere finanziariamente fattibile, ma le botnet hanno fatto un ritorno perché nuove criptovalute come Monero sono più facili da “mine”, ha detto Digital Shadows.
La società ha detto che le botnet potrebbero essere affittate per $ 40. Ha detto che una tale offerta era “volata via dagli scaffali” con quasi 2.000 locazioni finora.
I cybercriminali sono anche stati attratti dal crescente mercato di offerte di gettoni iniziali, afferma il rapporto. Secondo i dati di Crunchbase, nel 2015 gli ICO hanno raccolto circa 5 miliardi di dollari per varie startup e progetti. Questo è in crescita esponenziale da soli $ 100 milioni nel 2016.
Invece di vendere gettoni di truffa, i criminali prendono di mira le valute legittime, rubando fondi agli ICO o manipolando i prezzi attraverso il tipo di schemi di “pump and dump” spesso usati con riserve di penny e altri beni meno liquidi.

 

I cybercriminali prendono di mira il boom delle criptovalute