Il direttore del supermarket dove il terrorista era solito fare la spesa lo dipinge come squilibrato arrogante e maleducato

Views

L’autore del gravissimo gesto compiuto ieri a Manhattan quando a bordo di un pick-up noleggiato ha puntato verso un pista ciclabile falciando decine di persone ed uccidendone 8, è stato riconosciuto dal gestore di un supermercato dove era solito fare la spesa che lo descrive come una persona squilibrata, sempre in contrasto con il personale che era impiegato alle casse.Sayfullo Saipov, 29 anni, era ben noto per il comportamento che regolarmente teneva presso il supermercato Super Farm Farm Boy su Getty Avenue a Paterson nel New Jersey. Questo quanto ha riferito il manager dell’attività commerciale.
“Ogni volta che è venuto qui era sempre maleducato e discuteva con i cassieri”, ha detto al The Post riferendosi al terrorista. “Era solito arrabbiarsi con estrema facilità anche per le cose più stupide come ad esempio le lattine”
Il direttore, che non ha voluto fornire il suo nome, ha ribadito che Saipov era molto maleducato con cassieri e li chiamava “maleducati”.”Ho come la sensazione che avesse dei pregiudizi nei confronti del personale che lavorava alle casse, anche verso le donne che indossavano un hijab. Sminuiva puntualmente loro ed il loro lavoro” ha aggiunto il direttore.”Parlava bene l’inglese, correttamente, ma si riferiva ai cassieri chiamandoli stupidi, sciocchi, schemi, ottusi e maleducati, imputandogli perfino che non sapessero neppure scansionare la merce”.

Saipov, che è ora ricoverato per una ferita da arma da fuoco ed è sotto la custodia della polizia, discuteva regolarmente su qualsiasi cosa, perfino sul prezzo del Canada Dry Ginger Ale, una bevanda in lattina di tipo “soft drink” a base di estratto della radice di zenzero, molto venduta in Nord America. Anzi sembra che una delle questioni più frequenti su cui si infervorava fosse proprio la soda.
“Quando lo vedevo in negozio sapevo che ci avrebbe creato problemi sulla confezione da 12 di Canada Dry di cui contestava continuamente il prezzo. Questo creava a me e ai miei dipendenti continuo stress”.
GB
Foto: New York Post

 

Il direttore del supermarket dove il terrorista era solito fare la spesa lo dipinge come squilibrato arrogante e maleducato