Elezioni Italia: la borsa va giù, anche a causa delle problematiche internazionale

Views

Piazza Affari cede l’1,1% a 21.668 punti a causa  delle banche e da Mediaset (-4,5%), che sconta il dato di Forza Italia, al di sotto delle previsioni. Per la Borsa di Milano non si tratta di un crollo, anche se è la peggiore di un’Europa nel complesso positiva. Il voto in Italia, con le incertezze legate alla mancanza di una maggioranza e alla crescita dei partiti considerati meno europeisti, viene visto con timore dagli operatori. Dopo il via libera dell’Spd a un governo di grossa coalizione in Germania, Francoforte ha aperto in calo ma ha poi virato in terreno positivo (+0,1%).

A condizionare i mercati non sono solo questioni politiche: restano i timori per l’annuncio del presidente americano Donald Trump in tema di dazi sull’acciaio e sull’alluminio. Dopo un pò di tensione iniziale, che ha fatto salire il rendimento dei titoli di Stato italiani decennali oltre il 2%, le acque si sono calmate anche per lo spread fra btp e bund, che sale a 136 punti, contro la chiusura a 131 di venerdi’, con un rendimento in all’1,98%. Anche l’euro non pare aver subito particolari scossoni: cambia a 1,23 rispetto al dollaro, sostanzialmente invariato sulla Piazza di Londra. In Piazza Affari, il voto ha avuto ripercussioni sulle banche, con diversi titoli che hanno subito sospensioni al ribasso. L’istituto piu’ sotto pressione e’ Banco Bpm (-6%), seguito da Bper (-5,8%), Ubi (-4,5%), Unicredit (-3%) e Intesa (-2,5%). La ‘banca di Stato’ Mps perde il 3%. Per il mercato italiano, “la principale implicazione di breve termine e’ un atteso incremento del rischio paese – scrive Intermonte – un ampliamento dello spread dei bond governativi e pressione sul settore finanziario in quanto i manifesti politici sia del M5s che della Lega sono chiaramente non amichevoli nei confronti delle banche e delle istituzioni finanziarie in generale.

Elezioni Italia: la borsa va giù, anche a causa delle problematiche internazionale