Emirati Arabi e Cina rafforzano partnership nel settore del gas e petrolio

Views

Gli Emirati Arabi Uniti  e la Cina hanno firmato due accordi per la compagnia petrolifera nazionale cinese per acquisire partecipazioni in due concessioni offshore degli Emirati Arabi Uniti, nel tentativo di rafforzare la cooperazione economica bilaterale.
Gli accordi sono stati firmati da Sultan Ahmed Al Jaber, CEO di Abu Dhabi National Oil Company (ADNOC) e Wang Yilin, presidente della China National Petroleum Corporation (CNPC). Sotto le offerte, che hanno una durata di 40 anni, la CNPC, attraverso la sua controllata quotata di maggioranza PetroChina, acquisisce partecipazioni in due aree di concessione offshore di Abu Dhabi.
PetroChina ottiene una quota del 10 percento nella concessione Umm Shaif e Nasr e una partecipazione del 10 percento nella concessione di Lower Zakum.
PetroChina ha pagato 2,1 miliardi di dirham (575 milioni di dollari USA) per entrare nella concessione Umm Shaif e Nasr e 2,2 miliardi di dirham per entrare nella concessione di Lower Zakum.
Entrambe le concessioni saranno gestite da ADNOC Offshore per conto di tutti i concessionari.
Al Jaber ha dichiarato che la collaborazione di ADNOC con il CNPC, il più grande produttore e fornitore di petrolio e gas della Cina, approfondirà ulteriormente le relazioni strategiche ed economiche tra gli EAU e la Cina.
Wang ha detto che gli accordi rafforzeranno le “crescenti relazioni di CNPC con ADNOC e aiuteranno a soddisfare la crescente domanda di energia della Cina e contribuiranno all’ottimizzazione del portafoglio di attività e al miglioramento della redditività di PetroChina”.
Attraverso la PetroChina, la CNPC produce il 52% del greggio cinese e il 71% del suo gas naturale.
Nel 2016, la produzione di petrolio greggio dall’attività domestica di PetroChina è stata di 763,8 milioni di barili, mentre la produzione nazionale di gas naturale commercializzabile è stata di 3.008,3 miliardi di piedi cubici, ha detto la società sul suo sito ufficiale.
Nel febbraio 2017, la CNPC ha ottenuto un interesse dell’8% nella concessione onshore di Abu Dhabi, gestita da ADNOC Onshore. Ha anche acquisito una partecipazione del 40 percento nella concessione di Al Yasat.
Al Jaber ha aggiunto che “la cooperazione energetica è un aspetto sempre più importante delle relazioni degli Emirati Arabi con la Cina, l’importatore di petrolio n ° 1 a livello globale e un importante mercato in crescita per i nostri prodotti petrolchimici”.
Il giacimento arabo di  Umm Shaif è caratterizzato da un enorme berretto di gas, uno dei più grandi della regione, con ricche riserve di condensati.
Il tappo del gas si sovrappone a un bordo del petrolio, che in combinazione con il giacimento Nasr ha una capacità di produzione di petrolio greggio di 460.000 barili al giorno.
L’ADNOC prevede di elaborare 500 milioni di metri cubi di gas al giorno dal tappo del gas di Umm Shaif per contribuire a soddisfare la crescente domanda interna di energia di Abu Dhabi.
Abu Dhabi ospita il 90% delle riserve petrolifere negli Emirati Arabi Uniti, che rappresentano il 7% delle riserve petrolifere conosciute nel mondo.

Emirati Arabi e Cina rafforzano partnership nel settore del gas e petrolio