🎤 Emirati Arabi Uniti: sparita la principessa Sheikha Latifa

Views

Il gruppo di difesa internazionale Human Rights Watch ha avviato  le richieste formali di informazioni sul luogo in cui si trova Sheikha Latifa, un membro della famiglia reale degli Emirati Arabi Uniti, che alcuni dicono sia stata rapita in acque internazionali dagli Emirati e dalle forze speciali indiane. La principessa Latifa, 32 anni, è la figlia di Sheikh Mohammed bin Rashid Al Maktoum, sovrano dell’Emirato di Dubai e Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti. Ma lei è andata in disaccordo con la famiglia reale e ha ripetutamente lanciato bandi pubblici per riforme democratiche e più diritti per le donne. Nel 2002, quando aveva appena 18 anni, tentò di lasciare gli Emirati Arabi Uniti ma fu rimpatriata con la forza dalle guardie del corpo di suo padre. Negli ultimi anni, la principessa Latifa ha continuato  la sua ferma opposizione al dominio di suo padre, che lei ha accusato di schierare “squadroni della morte” per sopprimere il dissenso all’interno della famiglia reale degli Emirati Arabi Uniti.
Si ritiene che il 24 febbraio la Principessa Latifa sia stata raggiunta da Tiina Jauhiainen, istruttrice di arti marziali finlandesi che ha vissuto e lavorato in Medio Oriente, con l’obiettivo di attuare un piano di fuga. Le due donne si recarono nel vicino Oman e usarono le moto d’acqua per dirigersi in acque internazionali. Lì si imbarcarono su uno yacht capitanato da Hervé Jaubert, un ex ufficiale dei servizi segreti francese che ha anche la cittadinanza degli Stati Uniti. Jaubert è diventato noto a livello internazionale nel 2009 per essere fuggito dagli Emirati Arabi senza passaporto, dopo che le autorità lo hanno accusato di aver speso del denaro affidatogli dagli investitori. Lo yacht di Jaubert, The Nostromo, salpò dal Golfo Arabico verso l’India con le due donne e tre membri dell’equipaggio. Il 26 febbraio, la Principessa Latifa ha pubblicato diversi messaggi sui social media, tra cui un video in inglese, che spiega le ragioni per cui ha lasciato il suo paese d’origine. Ma poco dopo, The Nostromo scomparve mentre navigava verso lo stato indiano costiero di Goa. Non è riapparso di nuovo fino al 20 marzo, quando ha navigato per lo Sri Lanka con il suo capitano e l’equipaggio, ma senza le due donne a bordo.
Da allora Jaubert ha detto ai giornalisti che la sua nave è stata intercettata in acque internazionali da “due motoscafi senza contrassegni” che trasportavano da sei a otto commando. Hanno usato pistole stordenti e granate fumogene per neutralizzare l’equipaggio dello yacht, che lo hanno ammanettato  e  bendato. I soldati hanno poi preso le due donne. In particolare hanno parlato con la principessa Latifa in inglese, spingendo Jaubert a concludere che erano indiani, non arabi. Alcuni rapporti in seguito hanno affermato che un minimo di cinque navi da guerra indiane ed emiratine, oltre a due aerei militari e un elicottero, hanno partecipato all’attacco del The Nostromo. Jauhiainen, che è stato finalmente rilasciato ed è tornato in Europa, ha confermato l’account di Jaubert.
Ma le autorità indiane hanno respinto queste accuse, sostenendo che non hanno alcuna conoscenza di un’operazione militare o paramilitare al largo della costa di Goa. Human Rights Watch ha recentemente lanciato un appello formale ai governi indiano ed emiratino per rivelare la posizione precisa della principessa Latifa, che non è stata vista durante il  raid. “La mancata rivelazione del luogo e della posizione della principessa potrebbe essere considerata una sparizione forzata, date le prove che indicano che è stata vista per l’ultima volta come trattenuta dalle  autorità degli Emirati Arabi Uniti, che  non ha risposto alle richieste dei media per un commento.

🎤 Emirati Arabi Uniti: sparita la principessa Sheikha Latifa