Espulsione diplomatici russi da Stati Uniti non comprometterà rete intelligence del Cremlino

Views

Sebbene le dimensioni non abbiano precedenti, le recenti espulsioni di oltre 150 diplomatici da parte di circa 30 paesi e organizzazioni di tutto il mondo non hanno praticamente intaccato l’enorme impronta diplomatica della Russia. Le espulsioni coordinate sono state annunciate la scorsa settimana in risposta alle accuse della Gran Bretagna che il Cremlino ha tentato di uccidere una ex spia russa che viveva in Inghilterra. Sergei Skripal, 66 anni, che ha spiato per la Gran Bretagna nei primi anni 2000, e vive in Inghilterra dal 2010, sta combattendo per la sua vita dopo essere stato avvelenato con quello che Londra sostiene essere un agente nervino  di tipo militare. Quasi tutti i paesi europei, così come il Canada, l’Australia e gli Stati Uniti, hanno espulso i diplomatici russi in risposta all’attacco a Skripal. Nel frattempo si e’ appreso ieri che la figlia di Skripal starebbe migliorando.

La maggior parte delle espulsioni proveniva dagli Stati Uniti, dove la Casa Bianca ha annunciato che a 60 diplomatici russi era stato ordinato di partire entro la fine della settimana. La maggior parte di questi diplomatici è impiegato presso l’ambasciata  russa a Washington e al consolato di New York. Almeno altri dodici  sono in servizio presso la  missione permanente della Russia presso le Nazioni Unite a New York. Giovedì, diversi organi di stampa statunitensi hanno dichiarato che tutti i 60 russi che hanno detto di lasciare gli Stati Uniti sono ufficiali dell’intelligence non dichiarati che prestano servizio sotto copertura diplomatica. La Fox News ha citato un anonimo “alto funzionario dell’amministrazione” negli Stati Uniti dicendo che “questi non sono diplomatici ma agenti dell’intelligence che operano sotto copertura diplomatica. Il funzionario ha aggiunto che i russi sono stati espulsi perché “si stavano impegnando in attività che non erano commisurate ai loro ruoli e funzioni diplomatiche”. Questa descrizione viene spesso utilizzata dai governi per alludere a diplomatici che in realtà si stanno impegnando in attività di spionaggio o altre attività legate all’intelligence.

Ma in un pezzo di analisi scritto per la BBC, Alex Oliver, direttore della ricerca presso il Lowy Institute in Australia, sottolinea che i 150 diplomatici espulsi nei giorni scorsi sono solo “una piccola parte” della massiccia presenza diplomatica russa in tutto il mondo. Con 242 sedi  diplomatiche in tutto il mondo, la Russia ha la quarta impronta diplomatica del mondo, dietro gli Stati Uniti, la Cina e la Francia. Diverse migliaia di diplomatici russi sono attivi in qualsiasi momento in 143 ambasciate russe, 87 consolati e circa una dozzina di altre missioni diplomatiche in quasi tutti i paesi del mondo. Di questi, circa 170 sono  negli Stati Uniti. Le 60 espulsioni annunciate la scorsa settimana dal governo degli Stati Uniti, lasceranno comunque la Russia con oltre 100 diplomatici accreditati in America, molti dei quali presumibilmente ufficiali dell’intelligence. Prima di oggi, Mosca ha annunciato che avrebbe espulso 60 diplomatici americani, oltre a quasi 100 altri diplomatici per altri paesi. La Casa Bianca ha detto che potrebbe scegliere di rispondere con ulteriori espulsioni del personale diplomatico russo.

Espulsione diplomatici russi da Stati Uniti non comprometterà rete intelligence del Cremlino