Fondatore di whatsapp lascia, troppe le ingerenze di Facebook sulla privacy degli account

Views

Il co-fondatore di WhatsApp, un servizio di messaggistica di proprietà di Facebook con oltre 1 miliardo di utenti giornalieri, ha detto oggi che lascerà l’azienda.

Il piano di uscita di Jan Koum arriva dopo lo scontro con la casa madre sulla strategia di WhatApp e i tentativi di Facebook di usare i suoi dati personali e indebolirne la crittografia, ha riportato il Washington Post giorni fa, citando persone che conoscevano le discussioni interne.

“È passato quasi un decennio da quando Brian e io abbiamo avviato WhatsApp, ed è stato un viaggio fantastico con alcune delle migliori persone”, ha detto Koum, amministratore delegato di WhatsApp, in un post sulla sua pagina Facebook riferito al co-fondatore Brian Acton.

“Ma è tempo per me di andare avanti.” Non ha dato una data per la partenza e non è stato immediatamente raggiungibile per un commento.

Acton ha lasciato la società di servizi di messaggistica a settembre per avviare una fondazione, dopo aver trascorso otto anni con WhatsApp.

L’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg ha commentato il post di Koum, dicendo che era grato per ciò che Koum gli ha insegnato sulla crittografia “e la sua capacità di prendere il potere dai sistemi centralizzati e rimetterlo nelle mani delle persone. Questi valori saranno sempre al centro di WhatsApp. ”

Facebook ha combattuto i regolatori europei per un piano per utilizzare i dati degli utenti di WhatsApp, compresi i numeri di telefono, per sviluppare prodotti e target pubblicitari.

L’alunno Stanford Acton e l’immigrato ucraino Koum hanno co-fondato WhatsApp nel 2009. Facebook ha acquistato WhatsApp nel 2014 per $ 19 miliardi in contanti e azioni.

WhatsApp, un gioco di parole sulla frase “Che succede?” è cresciuto in popolarità in parte perché i suoi messaggi crittografati sono memorizzati sugli smartphone degli utenti e non sui server aziendali, rendendo il servizio più privato.

Le preoccupazioni sulla gestione delle informazioni personali da parte di Facebook sono cresciute dall’ammissione dei social network a marzo, secondo cui i dati di milioni di utenti sono stati erroneamente raccolti dalla società di consulenza politica Cambridge Analytica.

Facebook ha adottato misure per generare entrate da WhatsApp, che a differenza di Facebook non ha pubblicità.

La dirigenza di WhatsApp si è opposta fieramente alla pubblicità, affermando nel 2012 che non volevano essere “solo un’altra stanza di compensazione degli annunci” in cui il team di ingegneri “passa la giornata a ottimizzare il data mining”.

Invece, WhatsApp ha addebitato un abbonamento annuale di $ 1. È caduto che nel 2016 si sia passati a un piano per addebitare alle imprese account specializzati.

Fondatore di whatsapp lascia, troppe le ingerenze di Facebook sulla privacy degli account

ECONOMIA, High Tech, PRP Channel |