G7 in  Canada, le fasi preparatorie del summit di giugno: tanti i dossier da trattare

Views

I ministri degli esteri del Gruppo delle sette nazioni più industrializzate  hanno discusso i modi per fare pressione sulla Russia sui conflitti in Siria e in Ucraina, che hanno gravemente offuscato i legami di Mosca con l’Occidente.

Gli Stati Uniti hanno detto che le sue priorità includevano anche le “maligne” attività regionali dell’Iran e la fine dei programmi nucleari della Corea del Nord.

I paesi occidentali accusano il presidente siriano Bashar al-Assad, che è sostenuto dall’Iran e dalla Russia, per l’attacco chimico che ha portato il conflitto di sette anni della Siria in prima linea nella preoccupazione globale. Il governo siriano e il suo alleato russo negano il coinvolgimento o l’utilizzo di gas velenoso il 7 aprile scorso.

I colloqui dei ministri degli esteri, che si concluderanno lunedì, aiuteranno a preparare un vertice dei leader del G7 in Canada all’inizio di giugno. Il G7 comprende Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada, Germania, Francia, Italia e Giappone.

Il gruppo la scorsa settimana ha condannato quello che ha detto che era stato un attacco con  agente nervino russo in Gran Bretagna. Un alto funzionario di una nazione del G7 ha detto che i ministri erano profondamente preoccupati per quello che il gruppo ha visto come un modello del comportamento scorretto della Russia negli anni.

La Russia nega qualsiasi coinvolgimento nell’attacco nervino sul suolo britannico il 4  marzo scorso.

Le nazioni occidentali hanno imposto una vasta gamma di sanzioni contro la Russia negli ultimi anni dopo l’annessione della Crimea e per aver sostenuto i militanti che operano nell’est dell’Ucraina e per aver  sostenuto Assad in Siria.

Il ministro degli esteri ucraino Pavlo Klimkin ha preso parte ad alcune delle sessioni di Toronto. Sabato ha tenuto un incontro con il sottosegretario americano  John Sullivan, durante il quale gli Stati Uniti hanno promesso il proprio sostegno a Kiev, ma lo hanno anche sollecitato a implementare riforme economiche, ha detto un rappresentante degli Stati Uniti.

I ministri non discuteranno ulteriori misure punitive contro Mosca perché la Gran Bretagna, la Francia, la Germania e l’Italia sono membri dell’Unione Europea a 28 nazioni, che devono concordare collettivamente su quali passi intraprendere, hanno detto due diplomatici informati sull’incontro.

Il funzionario degli Stati Uniti ha detto che gli alleati parleranno anche degli sviluppi con i partner europei Francia, Germania e Gran Bretagna sull’aggiornamento di un accordo nucleare tra l’Iran e le sei grandi potenze.

Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha detto che sabato l’agenzia atomica iraniana è  pronta a reazioni “attese e inaspettate” se gli Stati Uniti si ritireranno dall’accordo del 2015, firmato a Vienna.

“Molti dei temi prioritari per noi oggi includono la via da seguire in Siria, le attività maligne dell’Iran nella regione”, ha detto il funzionario degli Stati Uniti.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha definito il patto con l’Iran del 2015 uno dei peggiori accordi mai negoziati e deciderà entro il 12 maggio se ripristinare le sanzioni economiche statunitensi a Teheran; ciò sarebbe un duro colpo per il patto.

“Il nostro obiettivo è creare condizioni affinché l’accordo nucleare di Vienna sia mantenuto e gli Stati Uniti restino”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro degli esteri tedesco Heiko Maas.

I ministri parleranno anche dei programmi nucleari della Corea del Nord mentre Trump e il leader nordcoreano Kim Jong Un si preparano a incontrarsi a fine maggio o inizio giugno. Pyongyang ha detto sabato che sospenderà i test nucleari e missilistici e demolirà il suo sito di test nucleari.

G7 in Canada, le fasi preparatorie del summit di giugno: tanti i dossier da trattare

MONDO, PRP Channel |