Fake news o verita’: avrebbero attaccato la Siria prima che ispettori Onu verificassero la verità sugli attacchi chimici a Douma

Views

Abbiamo preso una serie di notizie dalla stampa russa, per consentire di avere un’informazione bilanciata, ovvero sapere cosa e come viene vista la vicenda Siria dall’altra parte. Per i nostri lettori, di seguito, uno stralcio di quanto detto.

La maggior parte dei razzi lanciati in Siria da Regno Unito, Stati Uniti e Francia sono stati intercettati dai sistemi di difesa aerea siriani, ha detto il ministero della Difesa russo. Le unità di difesa aerea russe non  sono state  coinvolte nel respingere l’attacco.
Gli aerei da guerra e le navi degli Stati Uniti e dei loro alleati hanno lanciato oltre 100 missili da crociera e missili a superficie aerea sulle strutture civili e militari siriane, ha affermato il ministero.
Gli attacchi sono stati condotti da due navi statunitensi stazionate nel Mar Rosso, con supporto aereo tattico dal Mediterraneo e bombardieri Lancer Rockwell B-1 della base aerea di coalizione di Al-Tanf nella provincia di Homs, in Siria, secondo la dichiarazione.
L’aeroporto militare siriano Al-Dumayr, situato a 40 km a nord-est di Damasco, è stato attaccato da 12 missili da crociera, ha confermato il Ministero della Difesa russo, aggiungendo che tutti i missili sono stati intercettati dai sistemi di difesa aerea siriana.
Per respingere l’attacco, Damasco ha dispiegato sistemi missilistici terra-aria di fabbricazione sovietica, tra cui l’S-125 (nome in codice NATO: SA-3 Goa), S-200 (SA-5 Gammon), 2K12 Kub (SA-6 Gainful ) e Buk.

La Russia non ha schierato i suoi sistemi di difesa aerea situati in Siria per intercettare i missili americani, britannici e francesi.
In precedenza, il ministero ha rilasciato una dichiarazione in cui dichiarava che nessuno dei missili lanciati dagli Stati Uniti e dai suoi alleati ha raggiunto le zone di difesa aerea russe che proteggono le strutture nella città portuale di Tartus e nella base aerea di Khmeimim.
Le difese aeree siriane sono state messe in allerta  per affrontare l’intervento congiunto franco-britannico iniziato nelle prime ore di sabato.

Stati Uniti, Francia e Inghilterra hanno lanciato una serie di attacchi  sulla Siria per rappresaglia al presunto attacco chimico del governo di Assad nella città di Douma, a 10 chilometri da Damasco, la scorsa settimana. Gli attacchi sono stati annunciati prima che un gruppo di investigatori dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) raggiungesse Douma per determinare se l’attacco avesse effettivamente avuto luogo.
Rispondendo agli attacchi aerei guidati dagli Stati Uniti a Damasco, il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha affermato che tutti i paesi sono obbligati ad “agire in modo coerente” con la Carta delle Nazioni Unite. “C’è un obbligo, in particolare quando si tratta di questioni di pace e sicurezza, di agire coerentemente con la Carta dei cittadini britannici e con il diritto internazionale in generale”.

Fake news o verita’: avrebbero attaccato la Siria prima che ispettori Onu verificassero la verità sugli attacchi chimici a Douma

Politica estera, PRP Channel |