Industria: i cinesi non spiano, comprano l’intera azienda

Views

Il capo dell’ufficio di intelligence interna della Germania ha avvertito dei rischi per la sicurezza derivanti dagli investimenti diretti cinesi in aziende tedesche di alta tecnologia e in altre società europee. Dal 2012 Hans-Georg Maassen è stato direttore dell’Ufficio federale per la protezione della Costituzione, la sicurezza nazionale e l’agenzia di controspionaggio della Germania. Parlando ai giornalisti, Maassen ha detto che la sua agenzia ha notato una correlazione inversa tra gli attacchi di spionaggio informatico alla Germania da parte di attori cinesi e l’acquisizione di aziende tecnologiche tedesche da parte di società cinesi. I funzionari di controspionaggio tedeschi sono rimasti perplessi, ha detto, riguardo a una drastica riduzione delle attività di spionaggio informatico cinese nel 2016. Ma alla fine hanno capito che le operazioni di spionaggio informatico sono state sostituite da “metodi legali”, ha detto, come le acquisizioni dirette di Aziende hi-tech tedesche da parte di società cinesi.

Lo scopo di queste acquisizioni era “di accedere al know-how tecnologico tedesco”, ha aggiunto Maassen. Ha continuato dicendo che “il cyberpionage industriale non è più necessario se un attore può semplicemente sfruttare i regolamenti economici liberali per comprare le aziende, e quindi procedere a cannibalizzarli, per accedere al loro know-how”. Maassen ha osservato che la Germania non ha sollevato obiezioni contro gli investimenti stranieri e il libero flusso di capitali da tutti i paesi, inclusa la Cina. Tuttavia, ha aggiunto, “alcuni investimenti diretti in tecnologie specifiche possono compromettere la sicurezza interna”. Maassen ha citato diversi esempi nella sua presentazione, inclusa l’acquisizione di Kuka, un’azienda tedesca di robotica, da un investitore cinese nel 2016. Ha affermato che negli ultimi mesi, le aziende cinesi hanno tentato di acquistare partecipazioni in 50 Hertz, una rete energetica tedesca, un costruttore automobilistico tedesco come Daimler e Cotesa, un appaltatore aerospaziale tedesco.

In risposta a una domanda di un giornalista sul coordinamento delle politiche tra la Germania e l’Unione europea, Maassen ha detto che Germania, Francia e Italia hanno fatto pressione su Bruxelles per aggiornare e modernizzare le procedure di screening contro le acquisizioni straniere di società coinvolte nella produzione e nella vendita ” tecnologie sensibili “. Ha rilevato che entro la fine del 2018 dovrebbe essere istituito un nuovo meccanismo di screening a livello UE.

Industria: i cinesi non spiano, comprano l’intera azienda