Intelligence: i russi ritornano al passato con le “operazioni umide”, preoccupazione negli Usa

Views

Secondo Newsweek, l’aumento delle attivita’ dei servizi segreti russi sul suolo degli Stati Uniti  ha indotto le agenzie di spionaggio americane a rivalutare la posizione degli specialisti russi in pensione, chiedendo loro consulenze sui metodi dell’intelligence di Putin.

Inoltre, i disertori russi che vivono negli Stati Uniti stanno rivalutando la loro sicurezza personale alla luce dell’avvelenamento della spia russa Sergei Skripal in Inghilterra il mese scorso, ha detto il corrispondente dell’intelligence di Newsweek Jeff Stein in un articolo pubblicato ieri. Scrivendo da Washington, Stein ha detto che le agenzie di controspionaggio degli Stati Uniti – in particolare il Federal Bureau of Investigation – sono “in massima allerta” dopo l’attacco a Skripal.

Le agenzie di spionaggio sovietiche hanno una lunga storia di assassini di disertori, chiamate “operazioni umide” nel linguaggio russo delle spie. Ma tali attività furono notevolmente ridimensionate dopo gli anni ’70. Tuttavia, molti affermano che l’ascesa di Vladimir Putin al potere ha riportato in vita  queste tattiche e che Mosca potrebbe ora investire più tempo e denaro nella formazione delle  “operazioni umide”. Stein ha citato un anonimo disertore russo che vive negli Stati Uniti affermando che sarebbe “facile, per i servizi di spionaggio russi, trovarci se sono veramente determinati a farlo”. Di solito, in Russia, una telefonata, un SMS ad amici o parenti viene subito monitorata da Mosca per iniziare a rintracciare la dislocazione fisica dei disertori. In altri casi, i familiari di disertori possono essere seguiti dal personale dell’intelligence russo mentre visitano gli Stati Uniti per  incontrarsi con i parenti, ha detto il disertore con sede negli Stati Uniti.

La stessa fonte ha riferito a Stein che il presunto personale dell’intelligence russo era stato individuato in azione da squadre di controspionaggio statunitensi che sorvegliavano i quartieri in cui risiedono i disertori russi. Per  affrontare  quello che vedono come “un aumento dell’attività russa negli ultimi due anni”, l’FBI e la Central Intelligence Agency “stanno richiamando  ex agenti segreti russi dalla pensione” con competenze sulle operazioni di intelligence russe, riferisce Stein. Il corrispondente dell’intelligence ha parlato anche con agenti della CIA in pensione, che non hanno escluso un tentativo da parte dell’intelligence russa di effettuare un’operazione “umida” sul suolo americano. Stein contattò la CIA e l’FBI, chiedendo loro di rispondere a queste preoccupazioni. Ha detto che la CIA ha rifiutato di commentare, mentre l’FBI non ha risposto alla richiesta.

Intelligence: i russi ritornano al passato con le “operazioni umide”, preoccupazione negli Usa