Iran, spie straniere alla ricerca di uranio con grosse lucertole

Views

L’ex capo dello staff delle Forze armate iraniane ha dichiarato che i governi stranieri hanno utilizzato diverse specie di lucertole, inclusi i camaleonti, per spiare il programma nucleare iraniano. La vicenda è stata denunciata da Hassan Firuzabadi, un veterano ufficiale militare iraniano, che dal 1989 al 2016 è stato il capo dello staff delle Forze armate iraniane, il più alto incarico militare nella Repubblica islamica. Dal suo pensionamento nel 2016, Firuzabadi ha ricoperto diversi ruoli chiave nella consulenza e attualmente è un alto consigliere militare dell’Ayatollah Ali Khamenei, il leader supremo iraniano di mentalità riformista.

Martedì, l’agenzia di stampa del lavoro iraniana (ILNA), ha pubblicato una lunga intervista con Firuzabadi. L’ex militare stava parlando in risposta ai rapporti su un’importante attivista ambientalista franco-iraniano che era morto in prigione, presumibilmente per suicidio. Kavous Seyed Emami, 63 anni, era un professore di sociologia, direttore della Persian Wildlife Heritage Foundation e attivista politico. È stato arrestato con sette dei suoi colleghi il 24 gennaio scorso e accusato di spionaggio. Il 9 febbraio, la famiglia di Emami ha dichiarato di essere stata informata dalle autorità della sua morte in carcere, a quanto pare a seguito del suicidio. La notizia è stata successivamente confermata dal procuratore capo dell’Iran. La famiglia di Emami, così come numerosi attivisti ambientalisti, contestano le affermazioni del suicidio del governo come causa della sua morte.

Ma nella sua intervista pubblicata sul sito web di ILNA, Firuzabadi ha affermato che in passato attivisti ambientalisti con legami con paesi stranieri sono stati coinvolti in attività di spionaggio contro la Repubblica Islamica. Ha detto al notiziario che alcuni anni fa le autorità iraniane hanno arrestato un gruppo di stranieri che erano in visita in Iran per raccogliere fondi per prigionieri politici palestinesi. Ha aggiunto che tra gli effetti degli stranieri le autorità hanno trovato “una specie di rettile del deserto, come un camaleonte”. Firuzabadi ha poi affermato che “seguendo gli studi” sulle lucertole, le autorità iraniane hanno concluso che la loro pelle “attrae le onde atomiche”. Hanno quindi concluso che gli stranieri erano in realtà “spie nucleari” che erano entrati in Iran per “scoprire dove si trovano le miniere di uranio e dove il governo è impegnato in attività legate al nucleare”. Firuzabadi ha anche detto che molti stranieri che sono impegnati nell’attivismo ambientale “non sono nemmeno a conoscenza del fatto che in realtà stanno spiando” sull’Iran.

Ma gli scienziati occidentali e i giornalisti scientifici hanno respinto le affermazioni di Firuzabadi come fantastiche. Martedì John Timmer, redattore scientifico del sito web tecnologico e scientifico degli Stati Uniti, Ars Technica, ha definito “folle” le affermazioni del funzionario militare iraniano e ha aggiunto che non vi sono “prove scientifiche che i rettili siano efficaci come segnalini Geiger” .

Iran, spie straniere alla ricerca di uranio con grosse lucertole