🎥 Isis sconfitto? Ora ci sono i pericolosi gruppi terroristi denominati “White Flags”!

Views
   

Secondo gli esperti, il crollo dello Stato islamico di Iraq e Siria sta dando luogo a una schiera di gruppi di successori, che si stanno rapidamente raggruppando, reclutando membri e lanciando attacchi sempre più sofisticati contro le forze governative.

Una vittoria militare nella guerra contro l’ISIS è stata ufficialmente dichiarata dal governo iracheno nel dicembre dello scorso anno. Nelle ultime settimane, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ribadito la sua affermazione del governo secondo cui le forze americane “stanno facendo a pezzi l’ISIS”. Il gruppo militante sunnita, che è diventato famoso nel 2014 dopo aver conquistato gran parte della Siria e dell’Iraq nordoccidentale, è chiaramente in ritiro, avendo perso tutti i maggiori centri urbani che era solito controllare. Tuttavia, il crollo dell’organizzazione ha portato all’emergere di numerosi gruppi di insorti che si stanno rapidamente formando in Iraq e in Siria.

Molti di questi gruppi altamente agili operano nel distretto meridionale scarsamente popolato e disabitato della regione curda irachena, che comprende le montagne di  Hamrin. Altri si trovano nelle regioni aride dell’Iraq a ovest dell’Eufrate. Tutti sono impegnati nel reclutamento, nella propaganda e, in modo crescente, in attacchi contro le forze governative e le milizie sciite rivali. Domenica, il corrispondente del Medio Oriente turco di BuzzFeed, Borzou Daragahi, ha profilato uno di questi gruppi, i cosiddetti White Flags. Il gruppo venne formato a fine 2017 dall’unione di due comandanti dell’ISIS, Khaled al-Moradi, un turkmeno iracheno e Hiwa Chor, un ex membro di Ansar al-Islam e un gruppo jihadista prevalentemente curdo che era attivo nel nord dell’Iraq dopo il 2003. Daragahi nota che le Bandiere Bianche sono riuscite a portare a termine scioperi a Baghdad e Kirkuk, e hanno ripetutamente teso un agguato alle forze governative irachene e ai membri delle milizie sciite. I membri senior della White Flag sono stati coinvolti con ISIS per anni e hanno “una vasto repertorio di esperienza e un alto livello di formazione”, dice Daragahi. Sono uno dei numerosi gruppi armati post-ISIS che reclutano membri della minoranza araba sunnita, mentre promettono di proteggerli dalle ire del governo iracheno quasi esclusivamente sciita.

In uno sviluppo separato ma correlato, due analisti del quartier generale delle comunicazioni del governo britannico – l’agenzia di intercettazione delle comunicazioni primarie del paese – hanno avvertito che l’ISIS rimane una “significativa minaccia” per l’Occidente. I due analisti hanno parlato sulla televisione britannica Sky News, usando solo il loro nome di battesimo, Ben e Sunny. Hanno riconosciuto che l’ISIS ha perso molto del suo territorio negli ultimi mesi, ma ha ammonito che continua ad essere “un avversario credibile e pericoloso”, principalmente a causa della sua destrezza tecnologica. I pianificatori operativi dell’ISIS hanno “spinto la barra e innalzato il livello” in termini di “tecnologia che hanno usato e dei modi in cui l’hanno usata”, ha detto uno degli analisti, aggiungendo che le agenzie di intelligence britanniche devono continuare ad adattare le loro tecniche per rimanere “un passo avanti” agli operatori ISIS. Il pericolo ora e’ l’utilizzo di armi chimiche in centri urbani, affermano gli analisti britannici.