La Nato avrebbe il Know How sugli agenti nervini “Novichok”, grazie ad una ex spia russa

Views

Alcuni Stati membri dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) hanno ottenuto l’accesso ai cosiddetti agenti nervini “Novichok” dell’Unione Sovietica negli anni ’90, attraverso un informatore reclutato dall’intelligence tedesca, secondo quanto riferito. I paesi della NATO si riferiscono agli agenti nervini della “classe Novichok” per descrivere una serie di sostanze  sviluppate dall’Unione Sovietica e dalla Russia post-sovietica dai primi anni ’70 ad almeno il 1993. Si ritiene che siano gli agenti nervini più mortali mai prodotti , ma Mosca nega la loro stessa esistenza. Si dice che un tipo di agente Novichok, descritto dagli scienziati britannici come A234, sia stato usato nel marzo di quest’anno dalla persona o dalle persone che hanno cercato di uccidere Sergei Skripal a Salisbury, in Inghilterra. Skripal è un ex ufficiale dell’intelligence militare russa che ha spiato per la Gran Bretagna nei primi anni 2000 e vive in Inghilterra da quando è stato rilasciato da una prigione russa nel 2010.
Giovedì due giornali tedeschi, Die Süddeutsche Zeitung e Die Zeit, e due emittenti radiofoniche pubbliche regionali, WDR e NDR, hanno affermato che l’alleanza NATO ha avuto accesso alla composizione chimica degli agenti nervini di Novichok dal periodo immediatamente successivo al crollo del L’URSS nel 1991. In particolare, i rapporti hanno sostenuto che l’accesso è stato ottenuto attraverso uno scienziato russo che è diventato un informatore per il servizio di informazione federale tedesco, noto come BND. Lo scienziato ha stretto un accordo con il BND: ha fornito all’agenzia di spionaggio informazioni tecniche sugli agenti di Novichok in cambio di un passaggio sicuro in Occidente per lui e la sua famiglia. Inizialmente, il governo tedesco era riluttante a mettere le mani su materiale che era – e rimane – classificato come arma di distruzione di massa da parte delle agenzie internazionali. Ma alla fine ha chiesto la composizione chimica degli agenti nervini di Novichok e ha persino acquisito campioni dall’informatore russo.
Secondo i resoconti dei media, il BND ha proceduto a condividere informazioni sulla composizione chimica degli agenti nervini di Novichok con i principali alleati della NATO, tra cui Svezia, Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti. La condivisione di una sostanza così sensibile è stata approvata dall’allora cancelliere tedesco Helmut Kohl, hanno riferito i rapporti. Negli anni seguenti, una manciata di paesi della NATO procedette a produrre ciò che i rapporti dei media descrivevano come “quantità limitate” di agenti di Novichok, secondo quanto riferito al fine di sperimentare varie misure di difesa contro di loro e produrre antidoti. La Russia ha negato l’accusa di essere stata coinvolta nell’avvelenamento di Skripal e ha sostenuto che altri paesi, alcuni dei quali membri della NATO, hanno la capacità di produrre agenti di Novichok.

La Nato avrebbe il Know How sugli agenti nervini “Novichok”, grazie ad una ex spia russa