Le Smart City nemiche degli 007, lo rivela un alto funzionario della Cia

Views

In una rara apparizione pubblica di domenica, un alto membro della Central Intelligence Agency degli Stati Uniti ha discusso i modi in cui i cambiamenti tecnologici in corso pongono nuove sfide per nascondere le identità degli agenti in incognito. Dawn Meyerriecks ha lavorato nell’industria per anni prima di entrare a far parte della CIA nel 2013 come vicedirettore della direzione della Scienza e della Tecnologia dell’Agenzia. Il 22 aprile, ha tenuto uno dei discorsi chiave al GEOINT Symposium del 2018. L’incontro si è tenuto a Tampa, in Florida, sotto gli auspici della Fondazione per l’intelligence geospaziale degli Stati Uniti, con sede in Virginia, che riunisce agenzie governative e appaltatori privati.

Nel suo discorso, Meyerriecks ha discusso di ciò che ha descritto come “intelligenza dell’identità”, ovvero il dettaglio di un’identità di una persona dai dati acquisiti dalla sua attività online e l’impronta digitale lasciata su dispositivi wireless di tutti i tipi. Questi dati, combinati con riprese di sistemi televisivi a circuito chiuso (CCTV) e altre forme di sorveglianza audiovisiva, rappresentano enormi ostacoli alle operazioni clandestine, ha detto Meyerriecks. Oggi, circa 30 paesi utilizzano sistemi TVCC con funzioni così avanzate da rendere superfluo il tracciamento fisico degli operatori umani, ha aggiunto. Ha proseguito avvertendo che la combinazione di questi sistemi avanzati con reti digitali onnicomprensive nelle cosiddette città intelligenti, nonché con l’Internet delle cose, pone serie minacce alla capacità della CIA di operare in segreto. Abbandonare la rete online non è una soluzione, ha detto Meyerriecks, perché così facendo si attirerebbe  l’attenzione sulla non presenza. “Se hai […] un reddito a sei cifre o un reddito basso di sette cifre e non possiedi alcun immobile, non hai nessuna polizza di assicurazione sulla vita di cui parlare, spegni il cellulare ogni giorno dalle 8 : Dalle 00 alle 5:00, per chi lavori? “, Ha detto.

Queste sfide tecnologiche non metteranno fine all’intelligenza umana, ma stanno costringendo “un mare di cambiamenti” nei cosiddetti “modelli di vita” degli agenti clandestini, ha detto Meyerriecks. Questi agenti “dovranno vivere la loro copertura in un modo completamente diverso”, ha detto senza dire come. Ironia della sorte, la tecnologia può fornire soluzioni a queste sfide, ad esempio attraverso app telefoniche che simulano le coordinate geospaziali del dispositivo – “una crescente area di ricerca”, ha osservato. Un altro esempio di soluzione tecnologica al problema è l’uso di algoritmi di intelligenza artificiale per mappare le reti di telecamere CCTV nei centri urbani. Queste mappe possono aiutare il personale clandestino ad evitare le aree in cui sono presenti reti di telecamere, ha osservato Meyerriecks.

Le Smart City nemiche degli 007, lo rivela un alto funzionario della Cia

Intelligence, PRP Channel |