Leonardo: risultati dei primi nove mesi in linea per Aeronautica ed Elettronica per la Difesa

Views

Leonardo: risultati dei primi nove mesi in linea per Aeronautica ed Elettronica per la Difesa. Guidance di Ricavi ed EBITA 2017 rivista a causa degli Elicotteri. Confermata la solidità del business e le prospettive di crescita nel medio-lungo periodo.

Il Consiglio di Amministrazione di Leonardo, riunitosi oggi sotto la presidenza di Gianni De Gennaro, ha esaminato e approvato all’unanimità i Risultati al 30 settembre 2017 ed i risultati del terzo trimestre 2017

Alessandro Profumo, Amministratore Delegato di Leonardo, ha commentato: “La performance dei primi nove mesi dell’anno è in linea con le attese per l’Aeronautica e per l’Elettronica, Difesa e Sistemi di Sicurezza; sono tuttavia emerse alcune criticità nel settore Elicotteri per le quali abbiamo già intrapreso una serie di azioni. Il 2017 sarà un anno più difficile del previsto ma confido nei punti di forza dei tre business principali del Gruppo e sono fiducioso delle prospettive di crescita nel medio-lungo periodo”.

Nel dettaglio, i risultati dei primi 9 mesi del 2017 evidenziano:

  • Ordini pari a quasi 8 miliardi di euro. Il dato dei primi nove mesi del 2016 includeva l’effetto eccezionale dell’acquisizione del contratto EFA Kuwait per un importo di € 7,95 miliardi, escludendo il quale l’ammontare degli ordini risulta nel 2017 in crescita di oltre il 5%, nonostante l’effetto cambio negativo €/£.
  • Portafoglio ordini pari a 33.931 milioni di euro. Il portafoglio ordini assicura una copertura in termini di produzione equivalente prossima ai 3 anni. Il book to bill risulta pari a 1, in miglioramento (escludendo l’effetto del contratto EFA Kuwait) rispetto allo 0,94 del 2016.
  • Ricavi pari a 7.984 milioni di euro, sostanzialmente in linea rispetto al corrispondente periodo del 2016, nonostante l’effetto cambio negativo derivante dalla traduzione dei ricavi in GBP. Nel dettaglio, a fronte di una riduzione degli Elicotteri, che continuano a risentire di ritardi nelle attività produttive su talune linee di prodotto, l’Aeronautica inizia a beneficiare dei ricavi sul programma EFA Kuwait.
  • EBITA pari a 703 milioni di euro, in decremento del 5,8% rispetto al 30 settembre 2016 (con un ROS in flessione di 0,5 p.p.), fortemente influenzato dal calo di volumi e redditività degli Elicotteri, a fronte dei migliori risultati dell’Aeronautica e dell’Elettronica, Difesa e Sistemi di Sicurezza
  • Risultato netto ordinario pari a 272 milioni di euro, in calo rispetto ai primi nove mesi del 2016 per effetto, oltre che dell’andamento dell’EBITA, della maggior incidenza di oneri non ricorrenti e per ristrutturazioni oltre che di maggiori oneri finanziari (che nel 2016 avevano beneficiato di differenze cambio positive riflesse anche nei fair value dei derivati, con un delta di + €mil. 48 rispetto al 2017).
  • Risultato netto del periodo pari a 272 milioni di euro, uguale al risultato netto ordinario, in assenza di operazioni straordinarie (i primi nove mesi del 2016 beneficiavano, viceversa, della plusvalenza derivante dalla cessione di Fata, pari a €mil. 10).
  • Free Operating Cash Flow (FOCF) negativo per €mil. 972, in linea con la usuale tendenza del Gruppo a registrare significativi assorbimenti di cassa nei primi trimestri, in peggioramento rispetto al 2016 che beneficiava in misura maggiore dell’apporto del contratto EFA Kuwait.
  • Indebitamento netto di Gruppo tendenzialmente in linea con quello registrato al 30 settembre 2016 (+ 3%). Rispetto al 31 dicembre 2016 la movimentazione risente essenzialmente del citato assorbimento di cassa, oltre che del cash-out legato all’acquisto di Daylight Solutions (€mil. 123), delle ulteriori quote di Avio (€mil. 45) e del pagamento di dividendi per €mil. 81.

Outlook

I risultati dei primi nove mesi del 2017 del Gruppo riflettono il perdurare delle difficoltà negli Elicotteri. Tale settore risente ancora di condizioni di mercato particolarmente sfavorevoli cui si aggiunge l’effetto di ritardi nel conseguimento livelli adeguati di redditività su alcuni prodotti e una performance industriale al di sotto delle aspettative.

Per tale ragione, il Consiglio di Amministrazione ha deciso di rivedere la Guidance del Gruppo per l’anno 2017 come segue:

Principali dati del terzo trimestre 2017

  • Ordini: pari a 2.884 milioni di euro, +9,4% rispetto al terzo trimestre 2016.
  • Ricavi: pari a 2.658 milioni di euro, +1,4% rispetto al terzo trimestre 2016.
  • EBITA: 221 milioni di euro, – 19,3% rispetto ai 274 milioni del terzo trimestre 2016.
  • EBIT: 171 milioni di euro, – 26,3% rispetto ai 232 milioni del terzo trimestre 2016.
  • Risultato netto ordinario: 78 milioni di euro, – 45,5% rispetto ai 143 milioni del terzo trimestre 2016.
  • Free Operating Cash Flow (FOCF): negativo per 441 milioni di euro rispetto ai 405 milioni positivi del terzo trimestre del 2016.

ANDAMENTO PER SETTORI DI ATTIVITA’

Elicotteri

Pur in un contesto che rimane caratterizzato dall’incertezza e dalle difficoltà di alcuni mercati di riferimento, l’andamento a settembre 2017 mostra un livello di nuovi ordinativi in crescita rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente. I risultati economici hanno risentito di rallentamenti negli avanzamenti produttivi, con una redditività che pur mantenendosi in doppia cifra, risulta in flessione.

Elettronica, Difesa e Sistemi di Sicurezza

I primi nove mesi dell’anno evidenziano una buona performance commerciale e la conferma del positivo andamento economico registrato nel corso del 2016.

Aeronautica

Dal punto di vista commerciale il consuntivo al 30 settembre 2017 ha registrato un buon andamento sia per la Divisione Velivoli sia per la Divisione Aerostrutture, con ordini superiori a quelli dell’analogo periodo dell’esercizio precedente, se si esclude l’apporto dell’ordine EFA Kuwait, acquisito a giugno 2016 per circa €mld 8.

Dal punto di vista produttivo, nel corso del terzo trimestre 2017 sono state effettuate consegne pari a 35 sezioni di fusoliera e 20 stabilizzatori per il programma B787 (nel terzo trimestre 2016 consegnate 32 sezioni di fusoliera e 19 stabilizzatori), mentre per il programma ATR, che risente della riduzione dei rate produttivi e di alcuni ritardi delle attività di collaudo, sono state consegnate 16 fusoliere (21 nel terzo trimestre 2016). Per le produzioni M-346 nel terzo trimestre sono stati completati tre velivoli, di cui uno destinato all’Aeronautica Militare italiana e due all’Aeronautica Militare polacca.

Spazio

L’andamento dei primi nove mesi conferma il buon trend del segmento manifatturiero, che registra volumi di attività e redditività sostanzialmente in linea con quelli dell’analogo periodo dell’esercizio precedente. Il segmento dei servizi satellitari ha registrato un incremento dei ricavi per effetto in particolare del lancio del satellite ottico ad alta definizione Opsat 3000 per la Difesa Italiana, per il quale Telespazio, nel ruolo di prime contractor del programma, oltre alla fornitura del satellite e al servizio di lancio ha realizzato anche il centro di controllo.

La minore redditività registrata nelle attività di fornitura di servizi satellitari, unitamente alla maggiore incidenza delle imposte sulla componente manifatturiera, ha determinato un risultato economico in flessione rispetto a quello del 2016.

Operazioni industriali

Nel corso del periodo sono intervenute le seguenti operazioni industriali:

  • Completato il closing di Avio. In data 31 marzo 2017 ha avuto luogo il closing dell’operazione di acquisto, da parte di Space2, Leonardo e In Orbit (società detenuta da alcuni manager di Avio), dell’intero capitale di Avio non già posseduto da Leonardo, con successiva fusione in Space2 e contestuale quotazione di Avio sul Mercato MTA/segmento Star di Borsa Italiana, perfezionatasi il 10 Aprile. Per effetto di tale operazione Leonardo detiene il 26% circa della società, a fronte di un esborso, per la quota acquisita nel periodo, di circa € 45 milioni;
  • Completata l’acquisizione di Daylight Solutions. In data 23 giugno 2017 Leonardo, attraverso la controllata statunitense DRS, ha finalizzato l’acquisto di Daylight Solutions, Inc., azienda leader nello sviluppo di prodotti laser a tecnologia a cascata quantica. L’accordo per l’acquisizione, sottoscritto in data 7 marzo 2017, ha ricevuto l’approvazione degli azionisti di Daylight Solutions e le autorizzazioni regolamentari necessarie, incluse l’approvazione da parte delle autorità antitrust statunitensi e della Commissione Investimenti Esteri negli Stati Uniti. Il corrispettivo per l’acquisto delle azioni è stato pari a USDmil. 140 per il 100% del capitale sociale di Daylight Solutions. Il contratto di acquisto prevede inoltre un meccanismo di earn-out in virtù del quale il corrispettivo potrà incrementarsi di ulteriori USDmil. 15 al raggiungimento di determinati obiettivi finanziari ed operativi per l’anno 2017. Tale acquisizione ha consentito di ampliare l’offerta di DRS nell’ambito di soluzioni avanzate verso il mercato civile e militare;
  • Esercizio della put su Ansaldo Energia. Nel corso del mese di luglio Leonardo ha esercitato l’opzione put sul 15% della partecipazione in Ansaldo Energia, quota residuale mantenuta in capo al Gruppo nell’ambito della cessione a Cassa Depositi e Prestiti perfezionatasi nel 2013. L’esercizio di tale opzione ha consentito di incassare €mil. 144 da CDP Equity. L’operazione non ha avuto effetti sull’Indebitamento Netto di Gruppo, in quanto la valorizzazione dei diritti di put&call associati alla quota residua in Ansaldo Energia era già considerata ai fini di detto indicatore.

Operazioni finanziarie

In data 7 giugno 2017, nell’ambito del programma EMTN (Euro Medium Term Notes) rinnovato nel mese di aprile 2017 lasciando invariato l’importo massimo a €mld. 4, Leonardo ha collocato nuove obbligazioni quotate sulla Borsa di Lussemburgo sull’Euromercato della durata di 7 anni per un ammontare di €mil. 600, con una cedola annua dell’1,50%. In coerenza con la propria strategia finanziaria disciplinata e finalizzata al ritorno al Credit Rating Investment Grade, la Società ha ritenuto di cogliere il momento di mercato particolarmente favorevole, riducendo così le proprie esigenze di rifinanziamento nei prossimi esercizi, beneficiando altresì di un minore costo medio del proprio debito. L’emissione è rivolta esclusivamente ad investitori istituzionali italiani e internazionali.

Inoltre nel mese di giugno Leonardo ha riacquistato sul mercato un importo nominale pari a 30 milioni di sterline a valere sul prestito obbligazionario emesso nel 2009 con scadenza nel 2019 (coupon 8%), riducendo così l’importo nominale residuo a 288 milioni di sterline.

Nel corso del primo semestre del 2017 Moody’s ha migliorato l’outlook attribuito a Leonardo, portandolo da “stabile” a “positivo” e nel mese di ottobre Fitch ha migliorato il credit rating a BBB-.

*******************

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Gian Piero Cutillo, dichiara, ai sensi del comma 2 articolo 154-bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.

*******************

Nomina del nuovo Dirigente Preposto

Successivamente il Consiglio di Amministrazione di Leonardo ha provveduto, ai sensi dell’art. 154-bis del TUF e degli artt. 25.4 e 25.5 dello Statuto sociale, a nominare Alessandra Genco – Chief Financial Officer della Società – quale Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili e societari in sostituzione di Gian Piero Cutillo (attualmente Responsabile della Divisione Elicotteri, come reso noto con comunicato stampa in data 21 settembre 2017).

Organismo di Vigilanza

Il Consiglio di Amministrazione ha altresì provveduto alla nomina di Raffaele Squitieri quale Membro esterno nonché Presidente dell’Organismo di Vigilanza in sostituzione del Prof. Enrico Laghi a seguito delle sue dimissioni quale Membro esterno e Presidente.

Pertanto, l’Organismo di Vigilanza della Società risulta attualmente così composto:

Raffaele Squitieri (Presidente – Membro esterno); Angelo Carmona (Membro esterno); Marco Di Capua (Chief Audit Executive di Leonardo); Andrea Parrella (Group General Counsel di Leonardo); Angelo Piazza (Membro esterno); Saverio Ruperto (Membro esterno).

*******************

I Risultati approvati in data odierna dal Consiglio di Amministrazione vengono messi a disposizione del pubblico presso la sede sociale, presso Borsa Italiana S.p.A., sul sito internet della Società (www.leonardocompany.com, sezione Investitori/Bilanci e Relazioni), nonché sul sito internet del meccanismo di stoccaggio autorizzato eMarket Storage (www.emarketstorage.com).

 

Leonardo: risultati dei primi nove mesi in linea per Aeronautica ed Elettronica per la Difesa

PRP Channel |