L’ex direttore dell’agenzia d’intelligence della Germania, “interrompete  condivisione  informazioni con l’Austria”

Views

Un ex direttore del servizio d’intelligence della Germania ha avvertito i funzionari occidentali di interrompere la condivisione di informazioni con il governo dell’Austria, a causa della sua presunta vicinanza al Cremlino. August Hanning è stato a capo del servizio d’intelligence federale tedesco, noto come BND, dal 1998 al 2005. Ha continuato a servire come funzionario più anziano del Ministero degli Interni fino al suo pensionamento nel 2009. In un’intervista pubblicata mercoledì sul quotidiano tedesco Bild, Hanning ha affermato che “con un servizio d’intelligence come quello dell’Austria, che non può proteggere i propri segreti o le fonti e le informazioni sensibili dei propri partner, è necessaria cautela”.

La dichiarazione di Hanning è arrivata meno di una settimana dopo che il Washington Post ha affermato in un importante articolo che la maggior parte dei servizi di intelligence occidentali aveva smesso di condividere informazioni sensibili con il governo austriaco.

Il giornale ha affermato che lo smantellamento della cooperazione d’intelligence tra l’Austria e gli altri paesi occidentali è stato scatenato da un raid senza precedenti della polizia nel quartier generale dell’agenzia di spionaggio austriaca nel febbraio di quest’anno.

Il 28 febbraio la polizia austriaca ha fatto irruzione negli uffici centrali dell’Ufficio per la protezione della Costituzione e dell’antiterrorismo (BVT), che opera come agenzia d’intelligence interna dell’Austria. Quella sera, migliaia di documenti classificati erano stati rimossi dalla sede della BVT e conservati in strutture di polizia a Vienna. Funzionari austriaci hanno affermato che il raid è stato scatenato dalle accuse formulate dall’intelligence sudcoreana secondo cui i passaporti austriaci sarebbero stati acquisiti dal governo nordcoreano.

Tuttavia, secondo The Post, il raid è stato motivato politicamente dal partito di libertà di estrema destra austriaco, che fa parte della coalizione di governo del paese. Lo scopo del raid, ha detto l’articolo, era di neutralizzare il BVT, la cui missione include la difesa della costituzione austriaca dalle minacce interne dall’estrema sinistra e dall’estrema destra. Secondo The Post, molti servizi occidentali sono stati allarmati dal raid del 28 febbraio sul BVT e hanno immediatamente interrotto l’invio di informazioni sensibili al quartier generale di Vienna. Ha anche affermato che le potenze dell’Europa occidentale sono preoccupate dalle relazioni apparentemente strette tra alcuni membri del governo austriaco e il Cremlino. La scorsa settimana, il premier russo Vladimir Putin si è recato in Austria per partecipare al matrimonio di Karin Kneissl, il ministro degli affari esteri austriaco, politicamente vicino al Partito della libertà. Il leader russo ha dichiarato di aver partecipato al matrimonio di Kneissl in veste “puramente privata”. Ma questo non ha placato gli animi dei leader dell’Unione europea.

 

L’ex direttore dell’agenzia d’intelligence della Germania, “interrompete condivisione informazioni con l’Austria”

INTELLIGENCE, PRP Channel | 0 Comments

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>