L’F-35 ha fatto il battesimo del fuoco in combattimento reale

Views

Le Forze di Difesa Israeliane hanno annunciato sul proprio account Twitter che la versione israeliana dell’F-35, soprannominato “Adir”, è stato utilizzato in missioni operative.
“Gli aerei Adir sono già operativi e stanno volando in missioni operative”, ha detto il tweet citando il capo dell’Aeronautica israeliana, il generale Amikam Norkin. “Siamo i primi al mondo a utilizzare l’F-35 in attività operative”.
L’aeronautica israeliana ha usato l’F-35 in due recenti strike  in Siria, ha detto Norkin, secondo il comunicato stampa Haaretz.
L’uso dell’F-35 in combattimento è un’importante pietra miliare per l’aereo che è  in fase di  sviluppo dai primi anni ’90. Il programma è stato intaccato  non solo dal superamento dei costi e dai ritardi, ma anche da attacchi costanti dei  critici che hanno messo in dubbio le capacità di combattimento del jet.

Il debutto in combattimento potrebbe anche essere di buon auspicio per i futuri acquisti del caccia  di quinta generaziomne. Israele ha già ordinato 50 velivoli Adir F-35. Tuttavia, lo scorso anno il suo parlamento ha esortato il ministero della Difesa a condurre un’analisi delle alternative prima di andare avanti con più ordini, che potrebbero aggiungere altri 25-50 getti alla IAF.
L’annuncio di Israele segue un’altra pietra miliare dello scorso anno quando il Corpo dei Marines degli Stati Uniti ha dispiegato la sua versione verticale di atterraggio e decollo, l’F-35B, presso la base  aerea dei Marine Corps Iwakuni in Giappone, il primo dispiegamento aereo permanente per gli Stati Uniti.
La decisione di Israele di impiegare il suo Adir  in Siria potrebbe derivare dall’abbattimento  di febbraio scorso di un F-16 dell’IAF, che ha spinto alcuni esperti a chiedersi perché l’IAF non stesse usando il jet F35, molto più performante  contro le efficaci difese aeree siriane.
L’U.S. Air Force prevede di seguire l’esempio. L’F-35A dovrebbe essere dispiegato in Europa già nel 2020. Questi aerei sono destinati alla base della Royal Air Force di Lakenheath in Inghilterra.

F 35 israeliano completamente diverso dagli altri

Fin dal 2015 Lockheed Martin ha lavorato  per soddisfare una particolare esigenza del Ministero della Difesa israeliano: estendere il raggio d’azione dell’F-35 di almeno il 30%. L’F-35 israeliano è  senza dubbio caratterizzato da sistemi avanzati e, tra questi, un maggiore raggio d’azione. La IAF ha chiesto serbatoi supplementari specifici così da non inficiare il profilo del caccia e le sue caratteristiche stealth. Israele ha voluto estendere il raggio d’azione dello JSF per ridurre i rifornimenti in volo nelle missioni a lungo raggio. L’attuale raggio d’azione di un F-35 è di circa 1150 km.  L’F-35 israeliano con l’incremento del  30% del suo ‘flight range’ potrebbe colpire obiettivi iraniani. Tuttavia, anche con questa maggiore capacità, il caccia avrebbe sempre necessità di un rifornimento in volo, considerando che gli obiettivi iraniani si trovano ad una distanza minima di almeno 1000 km. In ogni caso, Israele ha le capacità di modificare pesantemente l’F-35, stravolgendone anche la cellula. In teoria, qualsiasi modifica al design del velivolo o al software dovrebbe essere compiuto dopo la firma di un accordo consensuale tra le parti. Tel Aviv, dopo lunghe ed estenuanti trattative, è stata autorizzata ad implementare (secondo prassi consolidata) hardware indigeno e svariati sistemi di guerra elettronica. L’esatta natura delle alterazioni (esterne ed interne) non è chiara, ma alcune di queste avrebbero dovuto interessare il  prezioso codice sorgente, gelosamente custodito dagli USA. A tal proposito Israele sarebbe riuscita ad implementare le nuove funzionalità senza richiedere l’assistenza degli Stati Uniti, un’eccezione mai consentita ad altri partner.

L’F-35 ha fatto il battesimo del fuoco in combattimento reale

Difesa, PRP Channel | 0 Comments

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>