🎤 Nord Corea annulla incontro con vice presidente Usa Pence

Views

Il vice presidente degli Stati Uniti, Mike Pence, avrebbe dovuto incontrare funzionari nordcoreani, tra cui la sorella del leader Kim Jong Un, mentre era in Corea del Sud per i Giochi olimpici invernali, ma i nordcoreani hanno annullato l’incontro all’ultimo minuto.
“La Corea del Nord aveva accettato la riunione nella speranza che il Vice Presidente Pence avesse disteso le relazioni. La riunione avrebbe fatto bene ad ambo le parti e avrebbe ceduto il palcoscenico mondiale alla propaganda nordcoreana durante le Olimpiadi”, ha detto in una nota il capo dello staff di Pence, Nick Ayers.
Ma dopo che Pence ha condannato le violazioni dei diritti umani della Corea del Nord e annunciato piani per nuove sanzioni economiche, “i nordcoreani hanno evitato la riunione o forse non sono mai stati sinceri al riguardo della seduta”, ha detto Ayers.
Pence avrebbe incontrato Kim Yo Jong, la sorella minore del leader nordcoreano Kim Jong Un, e il capo di stato nominale, Kim Yong Nam, ma i nordcoreani hanno annullato l’incontro del 10 febbraio due ore prima del suo inizio.
L’incontro sarebbe stato il primo programmato tra alti funzionari dell’amministrazione Trump e Pyongyang, per discutere della situazione di stallo sullo sviluppo di armi nucleari della Corea del Nord in grado di colpire gli Stati Uniti.

“Il Presidente Trump aveva deciso che, se avessero voluto parlare, avremmo consegnato il nostro messaggio senza compromessi confermando la nostra volontà alla loro denuclearizzazione.
“Questa amministrazione ostacolerà il desiderio di Kim di imbiancare il loro regime omicida con belle fotografie alle Olimpiadi, forse è per questo che si sono allontanati da un incontro o forse non sono mai stati sinceri nel sedersi”, ha detto Ayers nella dichiarazione.
La Blue House presidenziale della Corea del Sud ha dichiarato di non avere nulla da dire in merito.
Pence aveva criticato le ambizioni nucleari di Pyongyang e aveva annunciato le “più dure e più aggressive” sanzioni contro Pyongyang, mentre si stava anche muovendo per rafforzare l’alleanza degli Stati Uniti con il Giappone e la Corea del Sud.
Kim Jong Un, attraverso sua sorella, ha invitato il presidente della Corea del Sud Moon Jae-in a Pyongyang ad intraprendere colloqui “a breve”.
Il ministro degli Esteri della Corea del Sud, Kang Kyung-hwa, ha detto ai legislatori che i colloqui per migliorare le relazioni inter-coreane devono andare di pari passo con quelli legati alla denuclearizzazione del Nord. Seoul ha tenuto stretti colloqui e collaborato con Washington per quanto riguarda gli impegni con Pyongyang, ha detto il ministro.
“Solo quando la denuclearizzazione andrà avanti, le relazioni inter-coreane andranno avanti”, ha detto Kang, aggiungendo che il ruolo di Washington è “molto importante” nel portare la Corea del Nord ad abbandonare le sue ambizioni nucleari.
I segni di un disgelo nord-sud hanno spinto a ipotizzare che avrebbe potuto portare a colloqui diretti tra Washington e Pyongyang dopo mesi di tensione e scambi di insulti tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e Kim, alimentando i timori di una guerra.
La Corea del Nord si è astenuta dall’eseguire test di armi da fine novembre, quando aveva sparato il suo più grande missile balistico intercontinentale. Il ministero dell’Unificazione della Corea del Sud ha rifiutato di riferite mercoledì se la Corea del Nord si fosse impegnata nelle sue normali esercitazioni militari invernali, che di solito iniziano a dicembre e proseguono per alcuni mesi.

🎤 Nord Corea annulla incontro con vice presidente Usa Pence