🎤Olanda: l’intelligence potrĂ  fare intercettazioni telefoniche di massa

Views

Il primo maggio 2018, il quadro giuridico per la comunitĂ  dei servizi segreti olandese è cambiato con l’entrata in vigore della nuova Intelligence and Security Services Act. In precedenza, entrambe le camere del parlamento hanno discusso e accettato la legge il 14 febbraio e l’11 luglio 2018. Un gruppo di studenti con sede ad Amsterdam, tuttavia, era preoccupato che la legge, che includeva il potere di intercettare le comunicazioni via cavo in maniera “random” e per questo motivo è stato fatto un referendum pubblico, che si è tenuto il 21 marzo 2018.

In quello che fu un intenso e prolungato dibattito pubblico nei mesi precedenti il ​​referendum, i critici della nuova legge avanzarono il loro punto di vista. Tra questi c’era il gruppo digitale per i diritti civili Bits of Freedom, che sosteneva che il potere di intercettare le comunicazioni via cavo in massa avrebbe distrutto “il valore fondamentale della nostra societĂ  libera. La legge consente inoltre al servizio di intelligence generale e di sicurezza (noto con il suo acronimo olandese AIVD) e al servizio di intelligence e sicurezza militare (abbreviato in MIVD) di scambiare grandi serie di dati non valutati con le loro controparti straniere senza la previa approvazione della nuova commissione di revisione indipendente . I servizi vedono questa condivisione dei dati come essenziale per la loro missione antiterrorismo. Ma dal punto di vista degli oppositori, il fatto che siano scambiati dataset non analizzati è inaccettabile.

Inoltre, Bits of Freedom si è opposto all’accesso in tempo reale alle banche dati dei partner (come autoritĂ  fiscali, altre agenzie governative, ma anche banche) che è stato concesso ai servizi di intelligence e sicurezza. Tuttavia la nuova legge contiene troppe “norme aperte”, in linea con l’obiettivo del governo di formulare un nuovo atto che sarebbe stato piĂą indipendente dagli sviluppi tecnologici: l’Atto del 2002 non lo era, e quindi l’aggiornamento è stato visto come necessario, ma rimane anche non specificato in quali circostanze specifiche e in base a quali criteri e norme i nuovi poteri possono o non possono essere applicati.

Il referendum del 21 marzo ha dato una risicata vittoria agli oppositori della legge. L’affluenza alle urne è stata del 51,54%. Tra coloro che hanno votato, il 49,9% era contrario alla nuova legge e il 46,54% ha votato a favore. Un numero sorprendentemente alto di votanti ha votato in bianco: 4,04%.

Il gabinetto olandese sotto il primo ministro Mark Rutte ha affermato che avrebbe proceduto all’introduzione della nuova legge. Tuttavia, al fine di soddisfare le preoccupazioni dei cittadini, sono state introdotte sei “garanzie aggiuntive”.

Primo: l’intercettazione di massa dovrĂ  essere applicata “il piĂą mirata possibile”.

In secondo luogo, il numero di anni in cui i dati globali possono essere memorizzati senza essere cercati o analizzati è ridotto da tre anni a un anno, sebbene il ministro possa firmare per la memorizzazione dei dati per un anno supplementare.

In terzo luogo, i servizi di intelligence e di sicurezza devono presentare un memorandum al ministro dell’Interno (per l’AIVD) o alla Difesa (per il MIVD), affrontando gli aspetti dei diritti umani, il contesto democratico, il carattere professionale, la supervisione e il controllo del servizio, insieme a quali set di dati debbano essere scambiati.

La quarta garanzia è che l’intercettazione delle comunicazioni via cavo sarĂ  applicata quasi esclusivamente non nei contesti domestici. I cittadini olandesi non devono preoccuparsi, quindi, che la loro comunicazione possa essere massicciamente monitorata ed archiviata dai loro servizi segreti.

In quinto luogo, i dati medici possono essere utilizzati solo se è necessario in un’indagine mirata, altrimenti devono essere distrutti.

E infine, l’intelligence sui giornalisti non può essere condivisa con un servizio straniero se la sicurezza nazionale non è in gioco.

Molte di queste garanzie erano giĂ  state pianificate e proposte prima del risultato del referendum. Inoltre, non saranno ancora implementate nella legge, ma solo nei documenti politici.

Inoltre, le preoccupazioni riguardo ai nuovi poteri che consentono l’hacking attraverso terze parti e la memorizzazione di profili DNA sembrano essere state completamente ignorate, spingendo i gruppi per i diritti civili ad esprimere la loro delusione per la risposta politica al dibattito pubblico.

Gli oppositori del nuovo atto hanno ora riposto le loro speranze in una causa, che è stata avviata molto prima del referendum da un collettivo di attivisti e avvocati. La causa è diventata un progetto congiunto di dodici organizzazioni, tra cui il Public Interest Litigation Project, l’organizzazione per i diritti civili Privacy First, l’Associazione olandese dei giornalisti, l’Associazione olandese degli avvocati penalisti e la Piattaforma per la protezione dei diritti civili. Per prima cosa porteranno la legge davanti a un tribunale olandese e hanno giĂ  annunciato che andranno fino alla Corte europea dei diritti dell’uomo, se necessario.

Nel frattempo, la legge è diventata operativa, il che significa che il comitato di revisione sui servizi di informazione e sicurezza (CTIVD), un organismo di supervisione esperto indipendente, può ora iniziare a monitorare l’effettiva attuazione dei nuovi poteri. In una lettera al parlamento, il comitato di revisione ha affermato che si concentrerĂ  su quelle questioni che hanno sollevato la maggior parte delle discussioni pubbliche, in particolare: intercettazione non mirata e se i dati irrilevanti saranno debitamente cancellati; l’implementazione di metodi automatizzati di analisi dei dati; e cooperazione con partner stranieri, incluso lo scambio di insiemi di dati non valutati. Oltre a questo controllo ex post esistente (in seguito) ora c’è anche una nuova commissione indipendente (nota con il suo acronimo olandese TIB), che fornisce una revisione vincolante ex ante (precedente) dell’approvazione da parte del ministro di una serie di poteri investigativi speciali . Infine, tra due anni inizierĂ  anche una commissione indipendente con una revisione completa della nuova legge sui servizi di sicurezza e intelligence olandese.

🎤Olanda: l’intelligence potrĂ  fare intercettazioni telefoniche di massa