Pericolo collisione droni e aerei di linea in prossimità aeroporti

Views

(di Massimiliano D’Elia) PRP Channel, in alcuni articoli di analisi, aveva già rilevato il pericolo dell’aumento dell’utilizzo di droni da parte di privati ed il probabile pericolo di collisione con aerei di linea e non, in prossimità di aeroporti civili e militari. Pensare che “individui” possano lanciare contemporaneamente decine di piccoli droni nella direzione dei motori di un velivolo in fase di decollo oppure di atterraggio non è fantascienza ma una realtà “drammatica”, poiché le soluzioni tecnologiche di contrasto sono ancora in fase di studio embrionale. Il pericolo descritto dalla teoria e’ diventato concreto poiché decine di incidenti, sfiorati per caso, si sono registrati presso alcuni dei principali aeroporti mondiali. Non sarebbe difficile per terroristi acquistare in rete “droni” con pochi soldi e provocare danni inimmaginabili e ad alto effetto propagandistico. In questo nuovo scenario le compagnie aeree stanno dando un importante impulso per cercare di stabilire regole e procedure severe per l’utilizzo dei droni in prossimità degli aeroporti.

Le compagnie aeree del mondo stanno, quindi, sostenendo lo sviluppo di un registro globale guidato dalle Nazioni Unite per i droni, in quanto un aumento delle collisioni ravvicinate da parte di velivoli senza pilota e jet commerciali alimenta i problemi di sicurezza, ha detto oggi un dirigente del gruppo commerciale.
L’Associazione internazionale per il trasporto aereo sostiene gli sforzi compiuti dall’agenzia dell’aviazione delle Nazioni Unite per sviluppare un registro di questo tipo, che potrebbe anche aiutare a tracciare il numero di incidenti che coinvolgono droni e jet, ha detto Rob Eagles, direttore dell’infrastruttura di gestione del traffico aereo della IATA.
La IATA prenderebbe in considerazione la possibilità di collaborare con l’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile (ICAO) per utilizzare il registro per l’analisi dei dati al fine di migliorare la sicurezza.
L’ICAO sta sviluppando il registro come parte di un più ampio sforzo per elaborare regole comuni per il volo e il monitoraggio degli aeromobili senza pilota. Le compagnie aeree e gli operatori aeroportuali stanno cercando di attuare autonomamente un registro droni, una tecnologia di geo-scherma e sanzioni più rigide per il funzionamento di droni vicino agli aeroporti. Sperano che questi accorgimenti garantiscano che i voli rimangano al sicuro.
In Gran Bretagna, il numero di interferenze tra droni e aerei è più che triplicato tra il 2015 e il 2017, con 92 incidenti registrati lo scorso anno, secondo il consiglio di amministrazione di Airprox.
Air New Zealand ha detto che il mese scorso un volo da Tokyo con 278 passeggeri  ha incrociato un drone a soli cinque metri dal jet Boeing 777-200 durante la sua discesa ad Auckland.
Un registro unico creerebbe uno sportello unico che consentirebbe alle forze dell’ordine di identificare e tracciare a distanza gli aeromobili senza pilota, insieme al loro operatore e proprietario.
“L’intenzione attuale è di fondere questa attività nel registro ICAO per gli aerei con equipaggio, in modo che il settore abbia un’unica rete di registro consolidata”, ha detto il portavoce dell’ICAO Anthony Philbin via e-mail.
Il registro aeronautico presidiato è gestito da Aviareto, una joint venture tra il gruppo svizzero di tecnologia aeronautica SITA e il governo irlandese.
La CEO della SITA, Barbara Dalibard, ha detto che la sua azienda voleva costruire un registro globale di droni basato su blockchain e aveva lavorato con l’aeroporto di Ginevra per testare una zona geo interdetta  intorno all’aeroporto, dove i droni elencati nel registro non sarebbero stati in grado di volare.
“I dati sono collegati al sistema aeroportuale”, ha detto durante un’intervista a Singapore martedì.
“Il drone si sta avvicinando all’aeroporto e dice” No, torna indietro “. Se tutto è collegato, puoi chiedere al drone di cambiare il suo piano di volo o di riadattarsi per uscire dalla zona di pericolo”, ha aggiunto.
“Una delle cose importanti che vorremmo vedere su un registro è anche la raccolta di dati che includano segnalazioni di incidenti”, ha detto Eagles in un’intervista a margine della IATA’s Safety and Flight Ops Conference di Montreal.

Pericolo collisione droni e aerei di linea in prossimità aeroporti

Approfondimenti, OPINIONI, PRP Channel |