Protezione dei dati personali sui “social”, nuova sfida per le aziende Ict. Nel frattempo impazza la campagna  #DeleteFacebook

Views

Chiunque sia tentato di partecipare alla campagna  #DeleteFacebook, dopo che i dati personali di milioni di utenti sono caduti nelle mani di una società di consulenza politica è probabile che venga monitorato dal social network, che traccia quasi il 30% del traffico globale del web.

E Google (GOOGL.O), in varie forme, oscura il 64 percento di tutto il Web-browsing in tutto il mondo, lo rivela uno studio recente di Cliqz (www.ghostery.com/lp/study) su 200.000 utenti tedeschi, utilizzando il prodotto anti-tracking Ghostery.
Né Facebook né Google hanno risposto ai risultati dello studio fatto da Cliqz
Uno studio più ampio  dei web tracker dei ricercatori della Princeton University nel 2016 ha prodotto risultati simili, con Google Analytics e altri tracker di Google che hanno raggiunto i primi cinque posti, seguiti da Facebook (FB.O).
Cliqz, in maggioranza di proprietà dell’editore tedesco Hubert Burda Media e supportato da Mozilla, creatore del browser Firefox, è una delle numerose startup che si vanta di riuscire a  proteggere i dati personali in modo totale.

“Impediamo a società come questa di spiarti”, ha detto a Reuters l’amministratore delegato Marc Al-Hames.

Dai browser privati ​​come Cliqz, dotati di anti-tracker e blocker, le aziende cercano di proteggere gli utenti dalle intrusioni. I fornitori tradizionali in Europa stanno anche cercando di differenziarsi ponendo la massima attenzione sull’aspetto della privacy.
“Ogni volta che c’è uno scandalo come questo nelle aziende statunitensi, aumenta la nostra attività”, ha detto a Reuters Ralph Dommermuth, fondatore e CEO di Germany United Internet (UTDI.DE). La società offre servizi di posta elettronica crittografati, ospitati in Germania secondo le rigide norme sulla privacy, e non vende i dati degli utenti.

United Internet e altri hanno recentemente costituito una “Login Alliance” che offre un modo unico e sicuro, per i loro 50 milioni di utenti, in conformità con le nuove norme sulla privacy dell’Unione Europea che entreranno in vigore a maggio.
Ciò in antitesi con l’uso sfrenato fatto nel passato dei dati di  Facebook, dove per poter accedere alle varie aziende si offriva la possibilità di entrare con i dati personali già registrati su Facebook.

I difensori della privacy hanno avvertito per anni che i termini di utilizzo di Facebook lasciavano aperta la raccolta dei dati.

Lo psicologo Aleksandr Kogan ha raccolto dati su 50 milioni di utenti di  Facebook creando un quiz sulla personalità preso da poche centinaia di migliaia di persone. Consentendo alle sue condizioni, hanno permesso all’app di raccogliere informazioni sugli “amici” di Facebook, a loro insaputa o senza il loro consenso.
L’accademico americano ha trasmesso tali dati a Cambridge Analytica, che ha applicato la scienza dei dati e la profilazione psicografica per sostenere la campagna elettorale di Donald Trump, violando le regole di Facebook.

“È il vulcano che stava per esplodere ad un certo punto – non sapevamo quando”, ha detto Ben Williams, direttore delle comunicazioni e delle operazioni presso Adblock Plus, con sede in Germania.

AdBlock Plus ha 100 milioni di utenti che cercano protezione dagli annunci come i video di riproduzione automatica. Non è un prodotto per la privacy in quanto tale, anche se gli utenti possono modificare le impostazioni per aumentare la protezione.
La maggior parte delle persone non si preoccupa della normale pubblicità di ricerca, ma si oppone agli annunci intrusivi di terze parti, ha detto Williams.

Lo scandalo della fuga di informazioni di Facebook mostra che i dati non dovrebbero mai essere raccolti, ha detto Al-Hames di Cliqz:

“Dovremmo essere tutti indignati, ma nessuno dovrebbe essere sorpreso, tutti quelli che hanno preso quei dati finiranno per perderli prima o poi”.
Cliqz ha un’icona che mostra quanti tracker di punti di dati privati ​​stanno tentando di accedere quando visiti un sito.
La sua funzione anti-tracciamento sostituisce i dati privati ​​con informazioni casuali per buttarli fuori traccia, mentre esiste anche una funzione anti-phishing per contrastare il furto di dati.
Cliqz memorizza la cronologia di navigazione a ‘bordo’, su desktop e smartphone, e la usa per personalizzare la ricerca.
Senza fornire un accesso diretto, consente anche alle aziende di utilizzare tali informazioni per indirizzare gli annunci utilizzando il proprio prodotto MyOffrz in modo conforme alle nuove norme sulla privacy dell’UE.
“Possiamo pubblicare un annuncio mirato, ma ciò non significa che ci siano informazioni su di te sui nostri server”, ha dichiarato Al-Hames.
Cliqz ha circa mezzo milione di utenti attivi, mentre Ghostery, l’estensione del browser che controlla quali server Web vengono chiamati da una determinata pagina, ha circa 7 milioni di utenti.

Protezione dei dati personali sui “social”, nuova sfida per le aziende Ict. Nel frattempo impazza la campagna #DeleteFacebook