Report SIPRI, vendite armamenti delle 100 maggiori compagnie mondiali, Italia in calo

Views

(di Massimiliano D’Elia) Molto interessante ed indicativo sul “trend di crescita”, il report che l’Istituto di Ricerca Internazionale, svedese, SIPRI stila ogni anno sull’industria militare, il “SIPRI Top 100“. I dati che riportiamo si riferiscono all’anno 2016, quelli del 2017 sono contenuti nello “Year Book 2017”, in vendita on line. Il Report dimostra chiaramente la leadership americana nel settore, per le maggiori vendite registrate con un trend di crescita positivo. A seguire l’Europa che si dimostra, tuttavia, essere a due velocità.  Germania e Regno Unito tengono il passo, mentre diminuiscono le vendite di Italia e Francia. La curiosità è nei dati del 2017, che a dire degli addetti ai lavori, si discosterebbero di poco rispetto a quelli del 2016.

L’Italia nel 2016 ha ridotto i volumi d’affari per una serie di motivi che ci auguriamo non diventino endemici. Primo fra tutti l’instabilità politica che ha portato, chi davvero poteva aiutare l’industria, a distogliere l’attenzione e quindi le risorse ad iniziative sinergiche tra pubblico e privato.

Fare rete d’impresa ed aprire all’open innovation. Investire di più e con una strategia comune nella ricerca e sviluppo, dove i “first player” dovranno indirizzare nell’ R&D l’intero indotto delle piccole e medie imprese. In Italia sono davvero tante le realtà di eccellenza delle piccole e medie imprese specialmente nell’alta tecnologia che vengono lasciate da sole a competere con la concorrenza straniera, molto agguerrita e meglio organizzata.  Tante sono le iniziative italiane dal nord al sud. Tantissime le reti d’impresa e le federazioni. Ma a quanto pare mancherebbe una regia unica. Una cabina di regia che aiuti a competere nel mondo con una concezione strategica di medio-lungo termine, condivisa. Se continuiamo ad ostacolarci all’interno dell’orto Italia, senza fare squadra, i risultati non possono che essere negativi con una continua ed inesorabile sofferenza di tutto il settore produttivo. Il futuro Governo, dovrà investire proprio in questo settore “strategico” per favorire e sostenere una crescita credibile dell’industria militare e non solo. Abbiamo applaudito all’affaire  Fincantieri – Stx, con ricadute sulla francese Thales, lasciando nello specchietto e a distanza Leonardo che, invece, in questo business deve entrare al più presto, proprio per una questione di Sistema Paese. I solisti non vanno da nessuna parte.

A proposito di vendita di armi diamo alcuni dati, molto indicativi, del 2016

Le vendite di armi e servizi militari da parte delle maggiori società dell’industria militare del mondo  hanno totalizzato $ 374,8 miliardi nel 2016, secondo i dati del nuovo settore internazionale delle armi rilasciati dall’Istituto di ricerca internazionale della pace di Stoccolma (SIPRI).

Il totale è dell’1,9 per cento in più rispetto al 2015 e rappresenta un aumento del 38 per cento dal 2002 (quando la SIPRI ha iniziato a segnalare vendite di armi societarie). Questo è il primo anno di crescita delle vendite di armi SIPRI Top 100 dopo cinque anni consecutivi di declino.

Le aziende statunitensi aumentano la loro quota di vendite 

Con un totale complessivo di 217,2 miliardi di dollari, le vendite di armi delle società statunitensi quotate nella SIPRI Top 100 sono cresciute del 4,0% nel 2016. Le operazioni militari statunitensi oltreoceano e le acquisizioni di grandi sistemi d’arma da parte di altri paesi hanno guidato questa crescita. Le vendite di armi da parte di Lockheed Martin, il maggior produttore mondiale di armi, sono aumentate del 10,7 per cento nel 2016, il che è stato determinante per l’aumento della quota degli Stati Uniti delle 100 migliori vendite totali SIPRI al 57,9 per cento. “Con l’acquisizione del produttore di elicotteri Sikorsky alla fine del 2015 e volumi di consegna più elevati degli aerei da combattimento F-35, Lockheed Martin ha registrato una crescita significativa delle sue vendite di armi nel 2016”, afferma Aude Fleurant, direttore del programma di spesa militare e militare della SIPRI.

L’aumento delle vendite e il numero di società di servizi militari statunitensi classificate nella SIPRI Top 100 sono tendenze evidenti nel 2016. Alcune di queste società hanno aumentato le loro vendite attraverso l’acquisizione delle divisioni dei servizi militari dei maggiori produttori di armi. È il caso, ad esempio, di Leidos che nel 2016 ha acquisito le attività di information technology e servizi tecnici di Lockheed Martin.

Le vendite di armi da parte delle aziende dell’Europa occidentale rimangono stabili, ma le tendenze non sono tutte uguali

Le vendite congiunte di armamenti di società dell’Europa occidentale elencate nella SIPRI Top 100 sono rimaste stabili nel 2016 per un totale di 91,6 miliardi di dollari, con un aumento dello 0,2 per cento rispetto al 2015. Tuttavia, le tendenze per le vendite di armi nei maggiori paesi produttori di armi – vale a dire il Regno Unito, la Francia, l’Italia e la Germania – mostrano chiare divergenze. Vi sono state complessivamente diminuzioni delle vendite di armi delle società transeuropee, francesi e italiane, mentre le società nel Regno Unito e in Germania hanno registrato aumenti complessivi.

“Il 6,6% in Germania delle vendite di armi per il 2016 è dovuto principalmente alla crescita delle vendite del produttore di veicoli corazzati Krauss-Maffei Wegmann (12,8%) e del produttore di sistemi terrestri Rheinmetall (13,3%). “Entrambe le società hanno beneficiato della domanda di armi in Europa, Medio Oriente e Asia sud-orientale”.

La decisione del Regno Unito di recedere dall’Unione europea non sembra aver avuto un impatto sulle vendite di armi delle società britanniche, aumentate del 2,0% nel 2016. Le vendite di BAE Systems, il quarto maggior produttore di armi a livello mondiale, sono rimaste stabili ( in aumento dello 0,4 per cento). La più alta crescita delle vendite di armi da parte di una società britannica (43,2%) è stata registrata da GKN, un produttore di componenti aerospaziali.

Le vendite di armi russe crescono, ma il ritmo di crescita rallenta

Le vendite combinate di armi di società russe quotate nella Top 100 del SIPRI sono aumentate del 3,8%, raggiungendo $ 26,6 miliardi nel 2016. Le società russe hanno rappresentato il 7,1% del totale complessivo. “Le maggiori difficoltà economiche incontrate dalla Russia nel 2016 hanno contribuito a rallentare il ritmo di aumento delle vendite di armi delle società russe”, afferma il ricercatore senior del SIPRI, Siemon Wezeman.

Tra le 10 società russe quotate nella SIPRI Top 100, le tendenze delle vendite di armi sono miste: cinque società hanno registrato una crescita delle vendite, mentre le altre cinque hanno registrato una diminuzione. La compagnia russa più quotata nella top 100 della SIPRI per il 2016 è la United Aircraft Corporation, che si piazza al 13 ° posto. Le sue vendite di armi sono cresciute del 15,6% rispetto al 2015 a causa dell’aumento delle consegne alle forze armate russe e dei maggiori volumi di esportazione.

La Corea del Sud domina le vendite di armi da parte dei produttori emergenti

La categoria “produttori emergenti” di SIPRI comprende società con sede in Brasile, India, Corea del Sud e Turchia. La tendenza in questa categoria per il 2016 è dominata dall’aumento complessivo del 20,6% delle vendite di armi delle società sudcoreane, con un fatturato totale di 8,4 miliardi. “Le continue e crescenti percezioni delle minacce guidano le acquisizioni di attrezzature militari da parte della Corea del Sud, e si sta rivolgendo sempre più alla propria industria di armi per soddisfare la propria richiesta di armi”, afferma Siemon Wezeman. “Allo stesso tempo, la Corea del Sud punta a realizzare il suo obiettivo di diventare un importante esportatore di armi”.

Il calo delle vendite di armi giapponesi fa decrescere il totale degli altri produttori affermati

La categoria “altri produttori consolidati” di SIPRI comprende società con sede in Australia, Israele, Giappone, Polonia, Singapore e Ucraina. Le vendite congiunte di armamenti di società in questi paesi sono diminuite dell’1,2 per cento nel 2016, principalmente a causa di un calo complessivo delle vendite di armi delle società giapponesi (-6,4 per cento). Le maggiori società di armi del Giappone hanno registrato forti cali nel 2016: le vendite di armi di Mitsubishi Heavy Industries sono diminuite del 4,8%, mentre quelle di Kawasaki Heavy Industries e Mitsubishi Electric Corporation sono diminuite rispettivamente del 16,3 e del 29,2%.

Il database dell’industria delle armi SIPRI

La banca dati SIPRI sulle industrie militari  è stata creata nel 1989. Contiene dati finanziari e occupazionali su società produttrici di armi in tutto il mondo. Dal 1990, la SIPRI ha pubblicato i dati sulle vendite di armi e l’occupazione delle 100 maggiori di queste aziende produttrici di armi nell’annuario SIPRI.

Le vendite di armamenti sono definite dal SIPRI come vendite di beni e servizi militari a clienti militari, comprese le vendite per gli acquisti interni e le vendite per l’esportazione. Le modifiche sono calcolate in termini reali e i confronti tra paesi sono solo per le stesse società per diversi anni.

Report SIPRI, vendite armamenti delle 100 maggiori compagnie mondiali, Italia in calo