Rivelazione: nel 2010 un ufficiale intelligence inglese e’ stato ucciso dai russi

Views

Un ex ufficiale del KGB sovietico, che ora vive nel Regno Unito, deve essere interrogato dalla polizia britannica dopo aver affermato che esiste un legame tra il recente avvelenamento di Sergei Skripal e la misteriosa morte di un ufficiale dei servizi segreti britannico nel 2010. La copertura mediatica è stata estesa nell’ultimo mese dell’avvelenamento di Sergei Skripal anche ad un ex ufficiale dell’intelligence militare russo che ha spiato per la Gran Bretagna nei primi anni 2000 e vive in Inghilterra dal 2010. Quasi tutti i paesi europei, così come il Canada, l’Australia e gli Stati Uniti hanno espulso diplomatici russi in risposta all’attacco contro l’ex spia russa.

Ma otto anni fa, un altro misterioso attacco a una spia in Gran Bretagna attirò l’attenzione dei media di tutto il mondo. Gareth Williams, un matematico al servizio dell’intelligence intelligence britannica GCHQ, era stato distaccato dal servizio segreto d’intelligence (MI6), l’agenzia britannica di intelligence esterna, per aiutare ad automatizzare la raccolta di informazioni. Aveva anche lavorato con agenzie degli Stati Uniti, tra cui il Federal Bureau of Investigation e la National Security Agency. Ma la sua carriera si è conclusa bruscamente nell’agosto 2010, quando è stato trovato morto all’interno di una borsa sportiva con lucchetto nella sua casa di Pimlico, a Londra. Resta sconosciuto se la sua morte sia stata causata da un attacco chimico.

Lo scorso fine settimana, tuttavia, Boris Karpichkov, ex ufficiale dei servizi segreti del KGB sovietico e del suo successore post-sovietico, l’FSB, ha dichiarato che Williams è stato uccisa dallo stato russo. Karpichkov, 59 anni, è entrato nel KGB nel 1984, ma è diventato un disertore per l’intelligence lettone nel 1991, quando l’Unione Sovietica si è disintegrata. Sostiene di aver spiato anche la Russia per l’intelligence francese e americana. Nel 1998, con due valigie piene di documenti governativi russi top secret e l’utilizzo di passaporti falsi, arrivò con la sua famiglia in Gran Bretagna, dove ha sempre vissuto. In un’intervista con il giornale scandalistico britannico The Sunday People, Karpichkov ha detto che Williams è stato ucciso da agenti dell’intelligence russa con una sostanza velenosa non rintracciabile, perché aveva scoperto l’identità di un agente russo all’interno della sua agenzia, il GCHQ. Secondo Karpichkov, Williams aveva stretto amicizia con la talpa, nome in codice ORION dei russi, e si era reso conto che stava lavorando per i russi. La talpa quindi avrebbe riferito al suo gestore russo, un ufficiale di copertura non ufficiale con un passaporto dell’Europa orientale, nome in codice LUKAS, che Williams era diventato sospettoso.

Alla fine, i russi hanno tentato di reclutare Williams, presumibilmente minacciando di rivelare il suo stile di vita segreto travestito ai suoi supervisori al GCHQ. Ma, secondo Karpichkov, Williams ha respinto le avances russe e ha detto ai russi senza mezzi termini che avrebbe riferito il tentativo di reclutarlo all’intelligence britannica. A quel punto, ha detto Karpichkov, “l’SVR non ha avuto altra alternativa che uccidere [Williams] per proteggere il proprio agente all’interno di GCHQ”. Nell’ultimo incontro tra i due uomini nell’appartamento di Williams nel quartiere londinese di Pimlico, LUKAS avrebbe offerto al matematico GCHQ un bicchiere di vino che conteneva “una miscela di nitrato di amile, il Viagra e droga Sildenafil”. Dopo che Williams fu svenuto, Karpichkov disse che l’SVR inviò una squadra operativa speciale nota come “i pulitori”, i cui membri uccisero l’ufficiale dei servizi segreti britannico. Lo fecero, disse Karpichkov, iniettandogli l’orecchio con “un veleno vegetale fatto da aconito e giusquiamo nero mescolato ad altre sostanze chimiche”, che era stato progettato per sfuggire all’attenzione dei medici legali forensi.

Karpichkov ha dichiarato a The Sunday People che, a sua insaputa, ha vissuto molto tempo  con Williams. Si era insospettito, disse, perché aveva notato molte auto diplomatiche russe nella zona nel mese precedente alla morte di Williams. L’ex spia del KGB disse che era preoccupato che i russi stessero progettando di ucciderlo. Quando ha visto i resoconti dei media sull’omicidio di Williams, si è reso conto che le auto diplomatiche russe erano lì per il dipendente del GCHQ e non per lui, ha detto. “Non avevo mai visto quelle macchine prima e non le ho mai più viste”, ha detto Karpichkov. Ha aggiunto che “i servizi di sicurezza russi sono la connessione” tra i casi di Skripal e Williams.

Rivelazione: nel 2010 un ufficiale intelligence inglese e’ stato ucciso dai russi