Trump: transgender, fuori dall’esercito più forte del mondo

Views

Il presidente Donald Trump ha firmato venerdì un memorandum che vieta ad alcune persone transgender di prestare servizio nell’esercito degli Stati Uniti, ma dà alle forze armate la libertà di implementare tali politiche.
Il memorandum riferisce che le persone transgender con una storia di disforia di genere, definite come “coloro che potrebbero richiedere cure mediche sostanziali, anche attraverso farmaci o interventi chirurgici”, sono squalificati dal servizio militare “tranne in determinate circostanze ma limitate”.
Ha aggiunto che i segretari della difesa e della sicurezza nazionale “possono esercitare la loro autorità per attuare qualsiasi politica appropriata riguardante il servizio militare da parte delle persone transgender”.
La Casa Bianca ha affermato che il segretario alla Difesa Jim Mattis ha scoperto che le persone con una storia o una diagnosi di disforia di genere hanno presentato un rischio per l’efficacia dello strumento militare.
“Questa nuova politica permetterà ai militari di applicare standard di salute mentale e fisica consolidati, per tutti gli individui che vogliono unirsi e combattere per la migliore forza militare che il mondo abbia mai visto”.
Il comitato nazionale democratico ha criticato la mossa come un insulto ai membri militari in servizio transgender. In una dichiarazione, la leader democratica della Camera degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, ha affermato che tale politica danneggerebbe la sicurezza della nazione.
“Questo’ultimo memorandum è lo stesso banale e disgustoso divieto che il presidente ha annunciato la scorsa estate”, ha detto. “Il divieto odioso del Presidente è costruito appositamente per umiliare i nostri coraggiosi membri transgender dell’esercito che servono con onore e dignità”.
La decisione di Trump è meno restrittiva rispetto ai suoi commenti iniziali in un messaggio su Twitter di luglio, secondo cui proibirebbe a tutte le persone transgender di prestare servizio militare. Quel divieto generale avava rovesciato completamente la politica dell’ex presidente Barack Obama, in tale materia.

Trump scrisse su Twitter, che i militari “non possono essere gravati dagli enormi costi e dagli sconvolgimenti medici che il transgender nell’esercito comporterebbe”.
Tuttavia, un certo numero di giudici federali ha già emesso delle decisioni che bloccano il divieto di Trump, affermando che probabilmente violerebbe il diritto, ai sensi della Costituzione degli Stati Uniti, a una protezione sociale  che deve essere uguale per tutti i cittadini americani.
Venerdì, il Pentagono ha ribadito che avrebbe continuato a rispettare la legge federale.
“Il Pentagono continuerà a valutare e trattenere i membri del servizio transgender”, ha detto il portavoce del Pentagono, il maggiore David Eastburn.
In un memorandum di febbraio della Casa Bianca, reso pubblico venerdì, Mattis ha dichiarato che le persone transgender con una storia di disforia di genere sarebbero state rimosse dal servizio militare.
Ma ha aggiunto che coloro che attualmente stanno servendo potrebbero continuare a servire se gli fosse stata diagnosticata la disforia di genere da quando la politica di Obama ha avuto effetto.
Mattis ha anche raccomandato che le persone transgender che richiedono o abbiano subito una transizione di genere potrebbero essere  rimosse  dal servizio militare.
“Queste politiche metteranno il Dipartimento della Difesa nella posizione più forte al fine di proteggere il popolo americano, per combattere e vincere le guerre americane e per assicurare la sopravvivenza e il successo dei nostri membri del servizio in tutto il mondo”, ha scritto Mattis.
Una richiesta giudiziaria da parte dell’amministrazione Trump ha detto che 8.980 membri del servizio si identificano come transgender, ma solo 937 membri attivi del servizio sono stati diagnosticati con disforia di genere dal 30 giugno 2016.
Almeno una recluta apertamente transgender ha già firmato un contratto per unirsi all’esercito degli Stati Uniti da quando un tribunale federale ha stabilito alla fine dello scorso anno che l’esercito avrebbe dovuto accettare individui transgender.
Il Dipartimento di giustizia ha affermato che continuerà a difendere l’autorità del dipartimento della difesa per creare e attuare politiche del personale.
“In linea con questa nuova politica, chiediamo ai tribunali di revocare tutte le ingiunzioni preliminari relative al fine di garantire la sicurezza del popolo americano e la migliore forza combattente del mondo”, si legge in una nota.
I sostenitori dei diritti dei transgender hanno detto che credono che dozzine, se non centinaia, di persone transgender cercheranno di unirsi a coloro che già sono in servizio per aumentare il problema.
L’associazione sui diritti umani, un gruppo di difesa lesbica, gay, bisessuale e transgender, ha condannato la politica di Trump.
“Semplicemente non c’è modo di aggirare la norma perché l’amministrazione Trump-Pence sta andando sul divieto totale e discriminatorio, incostituzionale e spregevole delle truppe transgender”, ha detto in una dichiarazione Chad Griffin, il suo presidente.

Trump: transgender, fuori dall’esercito più forte del mondo

MONDO, PRP Channel |