Ucciso? Giornalista russo che indagava sui mercenari russi in Siria, trovato morto in circostanze sospette

Views

Un giornalista investigativo russo, che ha scritto una serie di articoli sui soldati russi  in Siria, è morto dopo essere caduto dal balcone del suo appartamento nella Siberia occidentale. Alcuni dei suoi colleghi affermano di sospettare un omicidio. Maxim Borodin ha scritto per Novy Den (New Day) una rivista investigativa online. Nelle ultime settimane, Novy Den ha pubblicato una serie di articoli di sondaggio di Borodin sulle attività dei mercenari russi che lavorano per il presidente siriano Bashar al-Assad. Borodin è stato uno dei pochi giornalisti russi che hanno riferito di aver sostenuto che più di 200 mercenari russi sono stati uccisi in Siria il 7 febbraio.

Secondo il governo degli Stati Uniti, i russi facevano parte di una forza governativa siriana da 500 uomini che attraversava il fiume Eufrate ed entrava nel territorio controllato dai kurdi nella regione nord-orientale di Deir al-Zour in Siria. Le forze curde supportate dagli americani nell’area, che includono truppe americane incorporate, hanno risposto con il fuoco dell’artiglieria, mentre gli aerei militari statunitensi hanno lanciato anche attacchi contro le forze governative siriane. Quest’ultimo si ritirò attraverso l’Eufrate dopo aver subito pesanti perdite, tra cui almeno 200 truppe russe. L’incidente è stato successivamente confermato dal Cremlino, che ha affermato che i russi erano appaltatori e non erano membri delle forze armate russe. Borodin ha scritto che i mercenari russi erano impiegati dal gruppo Wagner, una società di noleggio armi di proprietà di Yevgeny Prigozhin, un miliardario con stretti legami con il presidente russo Vladimir Putin. Il nome di Prigozhin è incluso nell’elenco più recente degli oligarchi russi soggetti alle sanzioni economiche imposte dal governo degli Stati Uniti.

Giovedì scorso, poche settimane dopo aver scritto la sua esposizione sul gruppo Wagner, Borodin è stato trovato dai vicini ai piedi dell’edificio che ospita il suo appartamento a Ekaterinburg, la quarta città più grande della Russia. Il giornalista è stato portato in un ospedale locale, dove in seguito è morto per le ferite riportate. La rete di notizie americana CNN ha detto di aver parlato con Valery Gorelykh, un funzionario locale del ministero degli Interni russo, che ha affermato che nella morte di Borodin non si sospettava alcun gioco scorretto. La porta del suo appartamento era stata chiusa dall’interno e non c’erano segni di lotta, disse Gorelykh. Continuò dicendo che la spiegazione più probabile per la morte di Borodin fu che scivolò e cadde dal balcone mentre fumava una sigaretta.

Ma alcuni colleghi e amici di Borodin mettono in discussione il verdetto di morte accidentale. Vyacheslav Bashkov, un amico intimo del defunto, ha detto che Borodin lo aveva chiamato in uno stato frenetico nelle prime ore del mattino dell’11 aprile. Ha detto che il suo appartamento era stato circondato da personale di sicurezza armate  che indossavank maschere da sci, uno dei quali era salito sul suo balcone e sembrava in attesa di un ordine in modo che potesse cercare l’appartamento di Borodin. Ma un’ora più tardi Borodin chiamò di nuovo Bashkov, questa volta per fargli sapere che gli uomini armati avevano condotto un esercitazione   e che non erano mai entrati nel suo appartamento. Un altro collega di Borodin, l’editore capo di Novy Den Polina Rumyantseva, ha detto che non credeva che Borodin si fosse suicidato.

Ucciso? Giornalista russo che indagava sui mercenari russi in Siria, trovato morto in circostanze sospette