Ucciso in attentato ingegnere di Hamas, Mossad il mandante?

Views

Militanti nella Striscia di Gaza hanno accusato Israele di aver assassinato un ingegnere palestinese con sede in Malesia, ucciso a colpi d’arma da fuoco da ignoti assalitori in motocicletta. La vittima è stata identificata come Dr. Fadi M. al-Batsh, 35 anni, proveniente dalla città di Jabalia nella Striscia di Gaza, un’enclave palestinese controllata dal gruppo militante Hamas. Si ritiene che Al-Batsh abbia completato gli studi universitari e il master in ingegneria elettronica presso l’Università Islamica di Gaza. Nel 2011 si è iscritto come studente di dottorato presso l’Università della Malesia a Kuala Lumpur, dove ha conseguito il dottorato in ingegneria elettronica. In seguito è stato assunto come docente dall’Istituto britannico della Malesia dell’Università di Kuala Lumpur. L’Istituto si trova nel quartiere Jalan Gombak della capitale malese, dove al-Batsh viveva con sua moglie e tre figli. Alcuni rapporti di Israele hanno detto che al-Batsh avrebbe lavorato sulla tecnologia dei droni e che ha scritto articoli scientifici sullo sviluppo della tecnologia dei droni, nonché sulle specifiche tecniche dei trasmettitori usati per controllare a distanza i droni.

Rapporti locali hanno detto che al-Batsh è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco verso le 6:00 di sabato mattina mentre stava camminando da casa sua verso una vicina moschea per pregare al mattino presto. Le immagini riprese dalle telecamere di sicurezza vicine mostrano che al-Batsh è stato colpito da due uomini che cavalcavano una grande motocicletta da 1100 cc, che aspettava che arrivasse sulla scena da almeno 20 minuti prima di aprire il fuoco. La polizia malese ha detto che l’uomo palestinese è morto subito avendo subito ferite da 14 proiettili nel petto e nella testa. Un successivo rapporto delle autorità di polizia locali ha riferito che l’incidente è  un “omicidio mirato”, non come un attacco terroristico, perché gli assassini sembravano concentrarsi esclusivamente su al-Batsh ignorando diverse altre persone che erano presenti.

Poco dopo l’uccisione di al-Batsh alcuni rapporti lo identificano come un parente di Khaled al-Batsh, un alto funzionario della Jihad islamica palestinese. Una successiva dichiarazione pubblicata dai media affiliati ad Hamas ha detto che al-Batsh era un comandante nelle brigate di Izz ad-Din al-Qassam, l’ala militare di Hamas. Il gruppo militante lo ha descritto come un “membro fedele” e lo ha definito uno “shahid” (martire), che è stato “assassinato per mano del tradimento”. Il gruppo con sede a Gaza ha anche promesso ritorsioni contro Israele e l’agenzia di intelligence del Mossad.

Le autorità malesi hanno dichiarato domenica che non hanno escluso nulla, compresa la possibilità che al-Batsh possa essere stato ucciso da militanti appartenenti allo Stato islamico. Il vice primo ministro della Malesia, Ahmad Zahid Hamidi, ha detto che anche il possibile coinvolgimento di “agenti stranieri” nell’omicidio di al-Batsh è stato esaminato. Ha aggiunto che i due principali sospettati  erano  uomini “bianchi, dall’aspetto europeo”. Lunedì la polizia malese ha rilasciato gli identikit dei due sospettati, sulla base di testimonianze oculari. Un comunicato stampa di accompagnamento ha detto che i due sospetti erano “alti circa 1,80 metri, robusti, con carnagione chiara, e si riteneva che fossero di origine mediorientale o occidentale”.

Ucciso in attentato ingegnere di Hamas, Mossad il mandante?