Usa rimangono o vanno via dalla Siria? I piani per una exit strategy sono al momento “congelati”

Views

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump vuole riportare le truppe via dalla Siria il più presto possibile, ha detto la Casa Bianca, ma non prima che i loro obiettivi siano stati soddisfatti. In precedenza, il presidente francese aveva dichiarato di aver convinto Trump che le truppe dovevano rimanere.
“La missione degli Stati Uniti non è cambiata, il presidente è stato chiaro che vuole che le forze statunitensi tornino a casa il più rapidamente possibile”, ha detto la portavoce della Casa Bianca Sarah Huckabee Sanders in una dichiarazione citata da Reuters. Gli Stati Uniti hanno circa 2.000 soldati e un certo numero di contractor  militari che agiscono in Siria. Prima di andare a casa, però, la loro missione deve essere soddisfatta.
“Siamo determinati a distruggere completamente ISIS e creare le condizioni che impediranno il suo ritorno, inoltre, ci aspettiamo che i nostri alleati e partner regionali assumano maggiori responsabilità sia dal punto di vista militare che finanziario per assicurare la regione”, ha affermato Sanders.

Gli obiettivi delineati da Sanders sono stati precedentemente menzionati dall’inviato statunitense all’ONU, Nikki Haley, in un’intervista a Fox News. La lista di Haley era un po ‘più ampia, tuttavia, aggiungendo il monitoraggio dell’attività dell’Iran e assicurando che gli interessi americani siano al sicuro dalle presunte armi chimiche del presidente siriano Bashar Assad. Gli obiettivi un po ‘vaghi, combinati con il rifiuto di Washington di intrattenere colloqui diretti con Damasco e numerose richieste affinché Assad si dimettesse o venisse rovesciato, potrebbero estendere “il più rapidamente possibile” a un tratto quasi indefinito.

In effetti, il presidente francese Emmanuel Macron, uno degli alleati di Trump nei recenti attacchi  congiunti in Siria, ha affermato di aver convinto Trump a mantenere le truppe sul posto per il “lungo termine”.

Poco dopo, attivisti anti-governativi siriani, tra cui i White Helmets, hanno affermato che Assad ha lanciato un attacco chimico che ha ucciso e ferito decine di civili a Douma, un sobborgo di Damasco, che era vicino a un ritiro decisivo per i militanti. Le forze russe, che sono sul terreno per assistere Damasco nella lotta ai terroristi e nel ridimensionamento del conflitto, hanno affermato di non aver trovato prove o vittime del presunto attacco e hanno accusato i White Helmets di aver falsificato le informazioni. Nel frattempo  Trump si vantava di “belli e ‘intelligenti” riferendosi ai ” missili americani che sarebbero presto volati in Siria.

Dopo una settimana di riunioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e risoluzioni fallite, e prima che una missione di accertamento dei fatti da parte dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) potesse arrivare al luogo del presunto attacco, Trump, insieme a Macron e al Primo Ministro del Regno Unito Theresa May, hanno  lanciato un centinaio di missili in Siria. Il loro obiettivo dichiarato era quello di paralizzare le presunte strutture e le scorte di armi chimiche di Assad, ma uno degli obiettivi colpiti è risultata una struttura civile specializzata in medicina.

Ora, Haley dice al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che l’America rimane “in alert” per ulteriori lanci di missili, se nuovi “attacchi chimici” verranno effettuati, e usa una clausola quando parla con Fox sulle  prospettive di ritiro dalla Siria. E mentre l’entourage  di Trump dice che vuole un ritiro “il più rapidamente possibile”, è altamente probabile che non sarà affatto veloce.

“Dieci giorni fa, il presidente Trump ha detto  che” gli Stati Uniti dovrebbero ritirarsi dalla Siria “e lo abbiamo convinto che era necessario rimanere”, ha detto Macron.

Alla fine di marzo, Trump ha detto che gli Stati Uniti “usciranno presto dalla Siria” e lasceranno “gli altri a occuparsene ora”, ora invece  è andato contro i piani precedentemente delineati dal Pentagono e dal Dipartimento di Stato per mantenere le truppe in Siria a “sostenere i nostri partner”, “prevenire il ritorno di gruppi terroristici” e la transizione verso una “leadership post-Assad”.

Usa rimangono o vanno via dalla Siria? I piani per una exit strategy sono al momento “congelati”

MONDO, PRP Channel |