Usa e Turchia aprono dialogo su recenti divergenze

Views

Rex Tillerson e Tayyip Erdogan hanno avuto un discorso “produttivo e aperto” giovedì sul miglioramento dei legami tesi recentemente sulle loro politiche in Siria.
Tillerson è arrivato in Turchia giovedì per due giorni che i funzionari hanno detto sarebbero probabilmente stati densi di discussioni dopo che le relazioni si sono logorate su una serie di problemi, in particolare il sostegno degli Stati Uniti alla milizia siriana curda YPG, visti come terroristi dalla Turchia.
Il mese scorso, la Turchia ha lanciato un assalto aereo e terrestre nella regione africana nord-occidentale della Siria per guidare l’YPG dall’area a sud del confine. Ankara ritiene che le YPG siano un braccio del PKK, un gruppo bandito che ha condotto all’insurrezione pluridecennale in Turchia.
La milizia è il principale elemento di base delle forze democratiche siriane (SDF), che gli Stati Uniti hanno armato, addestrato e aiutato con il supporto aereo e le forze speciali per combattere lo Stato islamico.
“I due si sono impegnati in una conversazione produttiva e aperta su una strada reciprocamente vantaggiosa nel rapporto tra Stati Uniti e Turchia”, ha detto un portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti in viaggio con Tillerson.
In una foto distribuita dalla presidenza turca prima dell’inizio della riunione di più di tre ore, i due sono mostrati visi tesi, anche se solo Tillerson accennava ad un sorriso.

Erdogan ha espresso le sue priorità e aspettative sulla Siria, la lotta al terrorismo e altre questioni regionali, ha detto una fonte presidenziale turca.
In vista dell’incontro, la Turchia aveva chiesto agli Stati Uniti di espellere l’YPG dalle forze SDF dello Stato anti-islamico che sta sostenendo in Siria.
“Abbiamo chiesto che questa relazione finisse, vogliamo che finisca tutto il sostegno dato al braccio siriano del PKK, l’YPG”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro della Difesa turco Nurettin Canikli in un briefing a Bruxelles, un giorno dopo aver incontrato il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti Jim Mattis a margine di un incontro della NATO.
“Abbiamo chiesto che questa struttura fosse rimossa da SDF”, ha affermato.

Tillerson, che è in un tour di cinque città, ha detto in una conferenza stampa a Beirut prima di arrivare ad Ankara che gli Stati Uniti e la Turchia avevano gli stessi obiettivi principali, e hanno ridotto le loro differenze. Produttivo sarà l’incontro previsto per oggi con il ministro degli Esteri, Mevlut Cavusoglu.
I combattenti dello Stato islamico sono stati guidati l’anno scorso da tutti i centri che occupavano Siria e Iraq, ma Washington li considera ancora una minaccia, capace di portare avanti un’insurrezione e di tracciare attacchi altrove.
Ankara ha posto maggiormente l’accento negli ultimi mesi sulla necessità di combattere la milizia kurda e ha detto che gli Stati Uniti stanno semplicemente usando un gruppo terroristico per combatterne un altro.

La Turchia dice che gli Stati Uniti devono ancora onorare diversi impegni: smettere di armare il YPG, riprendere le armi dopo che lo Stato islamico è stato sconfitto in Siria e riportare le forze YPG indietro da Manbij, una città siriana a circa 100 km (60 miglia) a est di Afrin.
Canikli ha anche detto che Mattis gli aveva detto che gli Stati Uniti stavano lavorando a un piano per recuperare le armi fornite all’YPG, specialmente armi pesanti. Tuttavia, Tillerson in seguito disse che Washington “non aveva mai dato armi pesanti” all’YPG e quindi non c’era “nulla da riprendere”.
La Turchia è il principale alleato musulmano degli Stati Uniti all’interno della NATO e uno dei più potenti amici di Washington nel Medio Oriente risalenti all’era della Guerra Fredda. Ma allargare le differenze sulla politica siriana sono solo una delle numerose questioni che hanno causato una rottura in quella relazione strategica.
Parlando con i giornalisti a margine dell’incontro NATO a Bruxelles, Mattis ha dichiarato che i suoi colloqui con il suo omologo turco sono stati aperti, ma hanno riconosciuto le differenze lamentate da ambo le parti.
“Credo che stiamo trovando aree di terreno non comune, dove a volte la guerra ti offre solo alternative sbagliate tra cui scegliere … Continuiamo a collaborare su come garantire che le loro preoccupazioni legittime vengano affrontate e risolte”.
L’offensiva turca contro il YPG in Siria è stata finora limitata ad Afrin, una regione di confine in cui gli Stati Uniti non si ritiene abbiano truppe sul terreno.
Ma la Turchia ha apertamente discusso di estenderlo ad altre aree in cui le sue forze potrebbero potenzialmente entrare in contatto con unità supportate dagli americani. Dice che Washington dovrebbe allontanare le sue forze; gli Stati Uniti dicono che non ha intenzione di ritirarsi.

Usa e Turchia aprono dialogo su recenti divergenze

MONDO, PRP Channel |