Washington Post: analisi sulla “flat tax” negli Usa, in Italia però può funzionare

Views

Molto interessante un articolo uscito oggi sul Washington Post che parla di Flat Tax e delle ripercussioni sull’economia del paese americano.

Ancora una volta si parla di presunta bellezza della tassa piatta. Questa volta, i candidati Sen. Ted Cruz (R-Tex.) e Sen. Rand Paul (R-Ky.) stanno promuovendo la tassa piatta (nell’ultimo round politico lo avevano fatto, Rick Perry e Herman Cain.

L’idea sembra sempre allettante – si legge nell’articolo – perché tutti, inclusa la società attuale, odia la complessità delle regole del  fisco, e i suoi sostenitori vendono l’imposta piatta come l’antidoto perfetto.

Sfortunatamente, è tutt’altro che perfetto e in qualsiasi incarnazione del mondo reale sarebbe molto peggio dell’attuale codice fiscale su almeno due dimensioni chiave: equità e peso fiscale.

È una tassa altamente regressiva, ciò significherebbe la perdita di profitti.

Inoltre, la sua semplicità è uno stratagemma. La cosa che complica il codice del fisco non è il numero di tariffe, ma la miriade di modi in cui definiamo diversi tipi di reddito.

Molti sostengono che una tassa fissa sbarazzerebbe le altre, ma  ciò  indica che non conosci la lobby delle tasse, e sei una delle poche persone che non può essere  candidata alla presidenza.

E’ estremamente difficile immaginare un candidato che dica alla gente di abolire  la detrazione dagli interessi ipotecari. Oppure, se è un repubblicano (o un democratico orientato a Wall Street), che si sbarazzerà delle preferenze fiscali per guadagni in conto capitale, dividendi e il finanziamento basato sugli interessi che è il latte materno degli investitori di private equity.

L’economista Alan Blinder, al riguardo dice:   la complessità è determinata dal modo in cui definiamo il reddito, non dal numero delle  tasse, praticamente … occorre considerare il fatto che l’imposta sul reddito delle società è praticamente piatta una volta che una società supera i 75.000 dollari del reddito imponibile. È semplice?

La regressione della flat tax è un altro grosso problema. Il nostro attuale codice del fisco sul reddito è progressivo (i tassi aumentano con il reddito), e ogni analisi distributiva che abbia visto una tassa fissa mostra un trasferimento del carico fiscale dal ricco al ceto medio. Secondo il punteggio del piano fiscale di Perry, il bilancio fiscale delle famiglie con reddito compreso tra $ 30.000 e 40.000 salirà di circa $ 450, mentre quello dei milionari si ridurrebbe di circa mezzo milione di dollari.

Ridurrebbe inoltre le entrate tra $ 500 miliardi e $ 1 trilione all’anno.

Tuttavia, ho sempre pensato che al pubblico piacesse il suono della flat tax, quindi sono rimasto sorpreso e rincuorato nel vedere i risultati di questo sondaggio per WalletHub che mostra che meno di un quarto degli intervistati ha gradito l’idea. Quindi, quello che abbiamo con la flat tax è una proposizione regressiva, che perde le entrate, che è impopolare con un pubblico che preferisce la progressività prevista dall’attuale codice del fisco.

Per essere chiari, ci sono degli elementi teorici che attraggono alcuni economisti all’imposta forfettaria, poiché incentivano i risparmi e si ritiene che generino un comportamento meno distorsivo rispetto all’attuale codice del fisco. Ma tali efficienze dipendono da una base ampia (cioè, chiudendo tutte le lacune di cui sopra) e da un tasso sufficientemente elevato per mantenere la neutralità delle entrate (nella misura in cui l’imposta piatta funziona come un’imposta sui consumi, le sue efficienze dipendono anche dalla tassazione della ricchezza esistente, o “vecchio capitale”, poiché ogni reddito generato dalla vecchia ricchezza è tassato man mano che viene consumato).

In Italia però può funzionare

Tuttavia sempre il Washington Post e Bloomberg hanno poi analizzato la situazione in Italia arrivando alla conclusione che “La flat tax in Italia può funzionare”: la proposta della Lega di Matteo Salvini starebbe  trovando riscontri positivi in Europa. Il Carroccio, con gli studi portati avanti dagli esperti economici Armando Siri, Claudio Borghi e Alberto Bagnai, propone un’aliquota al 15 per cento per rimettere in moto l’economia, far emergere il sommerso e creare nuovi posti di lavoro.  Il  Wall Street Journal rincara la dose dicendo che la Flat Tax è un’idea migliore del reddito di cittadinanza, soprattutto in un Paese come l’Italia in cui l’evasione dilaga.

Su Bloomberg, invece,  l’esperto Leonid Bershidsky ha approvato la proposta della Lega in campo economico. “Sulla carta il cambiamento minaccia onerose perdite di entrate per il governo ma, se l’esperienza della Russia e di parte dell’Europa dell’Est conta qualcosa, l’Italia potrebbe incamerare più tasse. Un’analisi proposta rivolta specialmente al sommerso, con l’evasione fiscale che il Fondo monetario internazionale attesta tra i 16,5 e i 386 miliardi di euro all’anno. L’esperto su Bloomberg ha sottolineato gli aspetti positivi della Flat Tax in Russia: “Nel 2002, l’anno successivo all’introduzione della tassa piatta, l’economia russa è cresciuta del 5 per cento in termini reali, con le entrate fiscali salite di oltre il 25 per cento”. Il motivo, spiega Bershidsky, è legato “al vantaggio di una flat tax bassa che la gente tende a pagarla volontariamente perché è facile da capire”.

 

Washington Post: analisi sulla “flat tax” negli Usa, in Italia però può funzionare

Economia, PRP Channel | 0 Comments

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>