Ripartenza, due buone occasioni da non sprecare, due buoni motivi per cambiare

Views

(di Vito Coviello) Ripartenza è oggi il sostantivo più usato in questa fase.

È l’antonimo di interruzione, sospensione e, pertanto, dopo il covid-19   è la parola che infonde speranza.

Speranza di avviare una nuova fase di crescita più inclusiva, maggiormente attenta allo sfruttamento delle risorse del pianeta terra.

Si può ripartire con molteplici strategie economiche e politiche ma se si vuol trarre insegnamento da una terribile pandemia, allora si dovrebbe ripartire con una “New, green and digital economy”.

Dobbiamo programmare la ripresa con un approccio di “sostenibilità digitale”, ossia privilegiando le tecnologie che ci aiutino a costruire una società migliore ponendo al centro il rispetto del Pianeta che ci ospita.

Abbiamo tutti una nostra visione del mondo migliore che vorremmo   e allora il suggerimento è di provare a proporre:

  1. Due buone occasioni di crescita da non sprecare nell’ambito del digitale;
  2. Due buone ragioni per rivedere alcune abitudini nell’uso della tecnologia digitale.

Se lanciassimo un sondaggio probabilmente scopriremmo che sono davvero tante le priorità, ma anche molte le cattive abitudini nell’ambito dell’utilizzo della tecnologia digitale.

Le mie 2 priorità e occasioni di crescita, sono:

  • Mobilità nelle aree metropolitane

Molte sono le   iniziative in corso per migliorare il servizio di mobilità nelle aree metropolitane.   Occorre procedere alla   realizzazione di vere smart city con finanziamenti e tempi certi: si tratta di una esigenza che non può più essere procrastinata.

Mi riferisco soprattutto all’esigenza di intervenire nell’ambito del trasporto pubblico locale al fine di non rendere più indispensabile   l’uso dell’auto.

Sono inoltre indispensabili progetti per le aree e per i segmenti di popolazione più disagiate.

In sintesi, più tecnologia digitale applicata ai trasporti e ai servizi sociali per avere città più green dove l’innovazione digitale deve essere di supporto all’innovazione sociale.

La ripartenza è una occasione unica ma solo se i fondi disponibili saranno messi a disposizione anche per migliorare la nostra qualità della vita,   non solamente per produrre di più e a volte anche prodotti non indispensabili. Si alla maggiore crescita, anche economica, ma verso beni e servizi che migliorino le nostre condizioni di vita e, soprattutto, che rispettino l’ecosistema.

  • Trasporti “green and digital”

Le aree metropolitane e il sistema di trasporto pendolare per la mobilità devono offrire   un servizio Integrato nelle soluzioni di viaggio ma, soprattutto, puntuale e di facile accesso.

Il MaaS: (Mobility as a Service) è un sistema di trasporto integrato tra i differenti operatori che deve assicurare un’esperienzadi viaggio giornaliero più smart: puntualità, semplificazione del viaggio con tariffe che applicano a fine giornata   la “Best fare”   e impongano ai viaggiatori di fare solo il check-in Check-out quando salgono sui differenti   mezzi di trasporto che devono prendere per gli spostamenti.

Linee ferroviarie   ad alta velocità su tutta la rete nazionale, per ridurre i tempi di percorrenza e contribuire all’abbattimento dei livelli di inquinamento: per tutti noi italiani ma, soprattutto, per la crescita del turismo.

Smart roads,   il digitale al servizio del sistema di trasporti stradale   per rendere   più sicuri gli spostamenti con una più efficiente gestione del traffico dove   i veicoli connessi e automatizzati sono assistiti nella loro   esperienza di viaggio da tecnologie   digitali (segnaletiche, sensori,..)   di supporto.   Costruttori di auto e Gestori del sistema stradale e autostradale che realizzano gli standard per le vere smart roads del futuro. Le smart roads sono in fase di sperimentazione, la sfida è di realizzarle in tempi rapidi e su tutto il territorio.

Non c’è futuro   se non inseriamo tra le priorità quella di rendere le nostre città più green e vivibili, se non miglioriamo il sistema della mobilità abbattendo i livelli di inquinamento, se non riduciamo il nostro attuale livello di sfruttamento delle risorse del pianeta terra.

I miei 2 buoni motivi per intervenire riguardo alle cattive abitudini nell’uso della tecnologia digitale, invece, riguardano:

  • Essere sempre connessi sì, ma in modo equilibrato

È necessario avere la   consapevolezza che è vero che il   “virtuale” si contrappone a tutto ciò che è fisico ma   non a ciò che è   “reale”,   ma se ne deve fare un uso   equilibrato. Smartphone, social, web, il nostro è un mondo di persone costantemente connessi: la tecnologia digitale ha rivoluzionato il nostro modo di vivere,   ma l’equilibrio sta nella consapevolezza che il “virtuale”   è una enorme risorsa   ma che non può/ non deve   sostituire   del tutto   ciò   che è “fisico”;

  • Nella governance di internet, occorre imporre regole a tutela della persona fisica definendo con attenzione ambiti e controlli nei riguardi delle persone giuridiche che stanno spostando sempre di più sul web le loro attività commerciali.

Vito Coviello – socio AIDR, Responsabile Osservatorio tecnologie digitali nel settore dei trasporti e della logistica

Ripartenza, due buone occasioni da non sprecare, due buoni motivi per cambiare