Russia, roll out per il Tu-160M2: a rischio il PAK-DA

Views
   

(di Franco Iacch) Sono giorni particolari per il piano di riarmo statale voluto da Putin. Questa mattina si è svolta la cerimonia di varo del primo sottomarino classe Borei II. Poche ore fa si è svolto il roll out del Tu-160M2: il programma M2 è il principale investimento russo per modernizzare i suoi bombardieri strategici inserito nel GPV 2018-2025. Il Cremlino gestisce una flotta di sedici Tu-160 come piattaforme di lancio per i missili da crociera Raduga Kh-10. Da rilevare che la configurazione M2 condivide il 60% dei componenti con il Blackjack originale. Come tutti i nuovi progetti della difesa russa, le fluttuazioni economiche del paese potrebbero molto limitare le capacità finali del Tu-160M2 e le dimensioni complessive della flotta (previste 50 piattaforme). Tuttavia il se Tu-160M2 si dovesse rivelare un successo garantendo un percorso economico sostenibile per migliorare e ampliare le capacità strategiche della Russia, l’esistenza stessa del PAK-DA potrebbe essere messa in discussione. Pochi minuti fa, infine, è stato confermata la configurazione Tu-22M3M con la medesima avionica del Tu-160M2 e gli stessi motori NK-32-02. Il primo volo del PAK-DA è idealmente fissato al 2025.