Siria: i foreign fighters iniziano ad abbandonare la città di Raqqa

Views

Alcun foreign fighters di Isis, i jihadisti arrivati da Paesi stranieri a Raqqa per difendere la roccaforte del califfato, hanno lasciato la città, in base all’accordo raggiunto nelle ultime ore che prevede la loro evacuazione.

“Una parte degli stranieri è partita”, ha confermato Omar Alloush, membro anziano del Consiglio civile di Raqqa (un organismo creato di recente da SDF per amministrare la città), mentre si avvicina il momento della caduta definitiva della resistenza jihadista di fronte all’offensiva delle forze democratiche siriane (SDF), un’alleanza curdo-araba sostenuta da Washington e dominata dalle Unita di Protezione del Popolo curdo (Ypg).

Raqqa dal 2015 era diventata la capitale del califfato ma ora, a seguito della spallata finale cominciata a giugno, la città sta per crollare ed essere conquistata dalla forze curdo/arabe sostenute dagli Usa.

Con la caduta di Raqqa, rimane sotto il controllo dell’Isis  solo una parte della provincia orientale siriana Deir Ezzur, dove le forze, questa volta, del regime di Damasco sostenute dall’aviazione russa sono riuscite a spingere sempre più i jihadisti verso le aree desertiche ad est del capoluogo a ridosso della frontiera irachena.

Secondo quanto riportato dai media di Damasco l’esercito siriano e le forze a loro alleate hanno cacciato i combattenti dell’Isis dalla città di Mayadeen, prendendo il pieno controllo di uno degli ultimissimi bastioni jihadista nella provincia di Deir Ezzur.

Siria: i foreign fighters iniziano ad abbandonare la città di Raqqa

MONDO, PRP Channel, Sicurezza |