Aumenta il rischio di una dannosa “no-deal” Brexit

Views

Dopo la bocciatura da parte della Camera dei Comuni dell’ultimo accordo tra Theresa May e l’Unione Europea, l’Ue ha fatto sapere che non ci saranno più negoziati con Londra sui termini del “divorzio” facendo aumentare il rischio di una dannosa “no-deal” Brexit.

Michel Barn, principale parlamentare della coalizione e portavoce della Brexit, dopo il voto della Camera dei Comuni ha dichiarato che “L’UE ha fatto tutto il possibile per contribuire a far sì che l’Accordo di revoca finisse”, “L’impasse può essere risolto solo nel Regno Unito. I nostri preparativi per il “no-deal” sono ora più importanti che mai”.

Anche i rappresentanti del presidente del Consiglio europeo Donald Tusk e la Commissione europea esecutiva del blocco hanno affermato che l’UE ha fatto “tutto ciò che è possibile per raggiungere un accordo … è difficile capire cosa possiamo fare di più”.

Il blocco insiste sul fatto che il difficile accordo sul divorzio non sarà migliorato e si aspetta che il primo ministro britannico Theresa May chieda un ritardo alla Brexit per evitare interruzioni economiche nel caso in cui la Gran Bretagna si schianta dal blocco senza un piano in atto.

L’Unione Europea, precisando che qualsiasi ritardo della Brexit non deve interferire con le elezioni parlamentari europee previste per il 24-26 maggio, ha affermato che “Mancano solo 17 giorni al 29 marzo, il voto di oggi ha aumentato significativamente la probabilità di una Brexit senza concorrenza. Se dovesse esserci una richiesta motivata del Regno Unito per un’estensione, l’UE27 la prenderà in considerazione e deciderà all’unanimità. L’EU27 si aspetta una giustificazione credibile di una possibile estensione e della sua durata”.

Aumenta il rischio di una dannosa “no-deal” Brexit

ECONOMIA |