La Space Force di Trump per il domimio bellico dello Spazio. I dettagli sull’organizzazione

Views

L’amministrazione Trump prevede di spendere circa 2 miliardi di dollari in nuovi finanziamenti per un periodo di cinque anni per creare la sua Space Force. 15.000 saranno i dipendenti già impiegati negli uffici dedicati allo  spazio che transiteranno nel nuovo servizio. In un articolo di Defense News si scoprono i primi dettagli di quello che sarà la nuova “US Space Force”.

Alcuni funzionari hanno svelato i dettagli della  proposta legislativa che il Pentagono ha presentato al Congresso, per il nuovo servizio militare. Il 27 febbraio scorso è stata inviata la proposta formale al Congresso dopo che il presidente Donald Trump ne aveva approvato la direttiva pochi giorni prima.

Mentre molti dettagli devono ancora essere definiti, alcune indiscrezioni rivelano che il nuovo servizio avrà probabilmente un bootcamp, una propria accademia, proprie uniformi e centri di reclutamento. Tutto inquadrato in un Dipartimento dell’Aeronautica militare. 

La Space Force vedrà i suoi albori nel 2020 con la creazione di un comando di combattimento unificato e indipendente.

Un alto funzionario della Difesa americana ha detto: “Lo spazio non è solo un probabile supporto alle funzioni vitali della Terra, ma è soprattutto un dominio bellico. Dobbiamo essere pronti a combattere, scoraggiare l’avversario e vincere”. Dobbiamo adattarci a questi cambiamenti epocali“.

Un altro funzionario del Dipartimento della Difesa: “Questa è la strada da percorrere, che ci consente di fornire, in anticipo, nuove capacità per essere in vantaggio sugli avversari“.

A settembre, il Segretario dell’Aeronautica Heather Wilson ha stimato il costo  per il servizio di circa 13 miliardi di dollari, mentre una stima indipendente del Centro per gli studi strategici e internazionali ha stimato costi aggiuntivi di circa 550 milioni di dollari all’anno.

Tuttavia, i funzionari del dipartimento difesa hanno detto il 1 ° marzo scorso che il Pentagono prevede di spendere circa 72 milioni  di dollari per istituire una sede per il servizio con circa 200 membri, già nel 2020. Con l’aumento progressivo della forza, tali costi potrebbero salire a circa 500 milioni di dollari all’anno. Questi costi si aggiungono ai circa 10 miliardi di dollari che la Difesa già spende in programmi spaziali.

Nella proposta legislativa si evidenzia che 2 miliardi di dollari rappresentano “meno dello 0,05%” del budget previsto dal Pentagono durante quel quinquennio e aggiunge che “oltre il 95% del budget annuale della Space Force è composto da risorse che saranno trasferite dai capitoli del bilancio della Difesa già esistenti ed approvati”.

“Ulteriori risorse saranno dedicate per la costruzione del quartier generale della Space Force e per la  creazione e mantenimento del supporto formativo. “Istruzione, formazione, dottrina e centri di gestione del personale”. Una volta che la Space Force sarà completamente strutturata, si stima che questi costi addizionali saliranno a 500 milioni di dollari all’anno, che rappresentano circa lo 0,07 per cento del budget annuale della Difesa Usa”.

In una dichiarazione rilasciata dal Pentagono, il segretario alla Difesa dell’agenzia Patrick Shanahan ha definito la proposta legislativa un “momento storico per la nostra nazione” e “un passo strategico per assicurare gli interessi nazionali vitali dell’America nello spazio“. Wilson ha aggiunto: “Continueremo ad essere i  migliori al mondo nello spazio e la creazione di una forza spaziale dedicata rafforza la nostra capacità di scoraggiare, competere e vincere nello spazio“.

Nel Fiscal Year del 2020 (FY20), il Dipartimento della Difesa creerà il primo quartier generale della Space Force. Vi sarà un sottosegretario dell’Aeronautica militare per lo spazio (che deve essere nominato e confermato dal Senato) e il capo di stato maggiore del servizio, una posizione da generale a quattro stelle.

Il personale iniziale della Space Force sarà un “mix di personale militare e civile con posizioni chiave di leadership militare, prelevati da ogni dipartimento militare”. “Alcuni membri del personale saranno trasferiti dai servizi militari esistenti, alcuni nuovi membri del personale saranno assunti e alcuni membri del personale verranno temporaneamente dedicati alla Space Force per fornire capacità e competenze, secondo le necessità contingenti”.

Nel FY21 e FY22, il piano prevede il trasferimento della maggior parte delle missioni  da uffici per lo spazio esistenti al nuovo servizio. “Questo includerà elementi operativi dello spazio, elementi di acquisizione, elementi di formazione ed educazione, e altre entità specifiche per lo spazio”.

Ad esempio, il Sistema MUOS della Marina (Obiettivo Utente Mobile), un sistema satellitare per comunicazioni a banda stretta, o satelliti in uso dall’Agenzia di Difesa si trasferiranno probabilmente nella Space Force

Il direttore esecutivo del programma rivela il ruolo della Marina militare nel nuovo servizio per quanto riguarda le capacità già esistenti nel comando, controllo, comunicazioni, informatica e intelligence.

Nei due anni successivi, FY23 e FY24, potrebbero essere schierate nuove unità e organizzazioni, tra cui “l’attivazione di ulteriori unità operative, di acquisizione e/o formazione, secondo le necessità per soddisfare le nuove esigenze e stabilire una capacità specifica per lo spazio. L’organico sarà, quindi, dedicato per lo  sviluppo della dottrina, analisi, intelligence, educazione, ecc. “

Circa 15.000 persone “altamente specializzate” provenienti da uffici esistenti si trasferiranno sotto l’ala della Space Force entro la fine del FY24. Il personale può essere trasferito sia a domanda che d’autorità, senza perdere il grado e la retribuzione già posseduta.

Dopo dieci anni il Comando Spaziale dell’Aeronautica comprenderà circa 40.000 dipendenti.

Una nuova sfida nella creazione della Space Force sarà la collaborazione con la comunità di intelligence, il cui National Reconnaissance Office (NRO), comunque, rimarrà indipendente dal nuovo ramo militare.

Il nuovo servizio, insieme al  Comando Space Combatant degli Stati Uniti, “porrà una maggiore attenzione sulle attività tese a comprendere le minacce spaziali e fornire supporto di intelligence per la pianificazione, le operazioni e l’acquisizione”.

“La Space Force, collaborerà  con l’Iintelligence Community sostenendo le capacità di intelligence. Tale supporto all’intelligence potrebbe includere la condivisione di personale in un comune centro operativo di intelligence; ciò, per migliorare l’intelligence militare, compresa l’intelligence scientifica e tecnica e lo sviluppo di processi e capacità di tasking, raccolta, elaborazione, sfruttamento e disseminazione”.

 

La Space Force di Trump per il domimio bellico dello Spazio. I dettagli sull’organizzazione

ECONOMIA, EVIDENZA 1 |